La Cavese coi cerotti rallenta il Bari:
Maza pareggia, Cesaretti spreca

Domenica 23 Febbraio 2020 di Giuliano Pisciotta
La Cavese spegne le ultime illusioni di primato del Bari, impattando coi galletti al Menti e avendo anche di che recriminare per aver sprecato nella ripresa l'occasionissima per il vantaggio. Imbottita di baby a causa delle numerose assenze, la squadra di Sasà Campilongo scende in campo con la stessa grinta messa in mostra contro la capolista Reggina.

I pugliesi creano ben poco fino al vantaggio, con Simeri che dopo pochi minuti chiama al riflesso felino Bisogno a salvare la porta biancoblu. La restante cronaca della prima frazione è scarna fino al vantaggio ospite che arriva allo scadere. Antenucci porta avanti il Bari superando Bisogno in uscita.

LEGGI ANCHE Agguato ultrà in autostrada: pulmini del Lecce incendiati

Ma gli aquilotti affondano subito gli artigli a inizio ripresa. Sul velenoso traversone di Russotto, Sainz Maza anticipa il portiere e riporta le cose in equilibrio, restituendo ai biancoblu la gioia del gol che mancava da tre partite. Il Bari prova a ripassare, ma rischia clamorosamente a metà frazione: Di Roberto fa il funambolo tra le maglie pugliesi, gira al centro per Cesaretti che da ottima posizione colpisce incredibilmente il palo, fallendo l'occasione del sorpasso. 

Ci prova pure Russotto introno alla mezz'ora, prima che la Cavese abbassi il baricentro per portare a casa un punto comunque utile. Gli ospiti provano ad avanzare, ma dalle parti dell'estremo biancoblu non arrivano pericoli degni di tal nome. © RIPRODUZIONE RISERVATA