Avellino, Evacuo e Tribuzzi
due cavalli di ritorno

Venerdì 24 Gennaio 2020 di Marco Ingino
Il ritorno al passato di Felice Evacuo si concretizzerà solo se ci sarà una finestra aperta sul futuro. Il bomber più prolifico della serie C, 38 anni ad agosto, anche ieri ha parlato a lungo sia con il Trapani, società che ne detiene il cartellino, che con l'Avellino, attraverso lunghe telefonate con i due responsabili del mercato. Titolare di altri cinque mesi di contratto con i siciliani, Evacuo ha fatto intendere a chiare lettere ad Aniello Martone e Carlo Musa che sarebbe felicissimo di concludere la carriera nella città in cui risiede ma, allo stesso tempo, anche di non voler perdere nulla rispetto alla cifra che percepisce in busta paga. L'operazione potrebbe essere facilitata aprendo una finestra sul prossimo anno per offrire al bomber nativo di Pompei, che ha giocato per l'ultima volta con la maglia biancoverde nel 2007, il ruolo di attaccante di scorta dell'Avellino 2020/21. Una prospettiva che sta stuzzicando sia la dirigenza che lo stesso Evacuo con la benedizione di Eziolino Capuano, talmente smanioso di avere a disposizione una parvenza di attaccante per domenica prossima che è ormai in pressing stretto, anche nelle ore notturne, sia su Martone che su Musa.

Dopo la stretta di ieri sera, nelle prossime ore l'Avellino proverà a lanciare l'assalto decisivo ad Evacuo con l'obiettivo di averlo a disposizione per domenica. Desiderio che per realizzarsi deve trovare la collaborazione del Trapani. Cosa non semplice per una serie di concomitanze negative che hanno rallentato, ma non ostacolato, pure l'affare Dini. In Sicilia, dove è in atto una vera e propria rifondazione con l'arrivo di Castori in panchina, è da ieri pomeriggio andato via ufficialmente il ds Luca Nember. Un addio che ha suscitato polemiche ma anche qualche fisiologico rallentamento nelle procedure burocratiche.

Per Luca Dini, portiere di 23 anni di proprietà del Parma, non ci saranno comunque problemi anche se l'Avellino sta facendo di tutto per farlo arrivare già oggi dalla Sicilia. L'amministratore Nicola Circelli ha la scorsa settimana firmato tutti i documenti con la società che ne detiene il cartellino (Parma) e il calciatore ma nella sede di contrada Zoccolari manca ancora la controfirma del Trapani. In questo caso, tuttavia, la melina dei siciliani è da addebitarsi al fatto che da Pescara non è tuttora arrivato alla corte di Castori il portiere Elhan Kastrati, albanese classe 1998 che prenderà il posto di Dini. In alternativa ad Evacuo, ma Martone e Musa appaiono ormai orientati a non tornare indietro, è stato proposto lo svincolato Daniele Cacia, di un anno più giovane ma da qualche campionato ormai con le polveri bagnate. Svincolato lo scorso dicembre dal Piacenza, il nome del bomber che insegue il record di reti in serie B non ha entusiasmato nemmeno Capuano.

LE TRATTATIVE
La giornata di ieri, però, è stata intensa soprattutto per Carlo Musa che ha lavorato molto con il Frosinone per il doppio prestito degli under Alessio Tribuzzi e Luca Matarese. Entrambi classe 98, l'esterno e l'attaccante hanno finora trovato poco spazio in Ciociaria dove si sta pensando di rinforzare il reparto offensivo con calciatori di categoria. L'ex biancoverde, che in estate accettò la corte del Frosinone in concomitanza con l'addio di Carlo Musa che lo portò ad Avellino, ha finora giocato solo 6 volte in campionato e 3 nella competizione tricolore mettendo a segno una rete. L'ala romana, che da un mese spinge in prima persona per tornare in Irpinia, è appena rientrato in gruppo dopo un problema muscolare. Anche per lui le prossime ore potrebbero essere decisive. E' più complicata, ma non per questo impossibile, la trattativa per l'assistito di Mino Raiola che di presenze in B ne ha fatte appena quattro divise tra campionato e coppa ma che ha diversi estimatori. Per poter registrare la doppia operazione, l'Avellino avrà comunque bisogno di liberarsi di qualcuno dei suoi cinque prestiti assunti in estate dal squadre di A e B. Con il tetto massimo fissato a sei, infatti, dalla casella dei temporanei dovrà necessariamente uscire qualcuno tra Karic, vicino al ritorno in patria, Rossetti, il Rimini è sempre in pressing, o Njie, per il quale non si registrano richieste. Sono, invece, ritenuti incedibili da Capuano sia Micovschi che Illanes. © RIPRODUZIONE RISERVATA