Avellino a Francavilla senza tifosi:
e Capuano è in emergenza in difesa

Domenica 9 Febbraio 2020 di Marco Ingino
Nel limbo di una classifica anonima, Virtus Francavilla e Avellino si affrontano questo pomeriggio (fischio di inizio alle 17.30) in un Giovanni Paolo II monocolore.

La decisione degli ultrà biancoverdi di non seguire la squadra in Puglia per protestare contro l'attuale dirigenza ha infatti trovato solo una sessantina di tifosi irpini contrari allo sciopero e disposti ad acquistare il tagliando per il settore ospiti. Una delusione per la dirigenza di casa, che sperava di realizzare qualcosa di più dal botteghino nella sfida contro il blasonato Avellino, un ostacolo in più i ragazzi di Capuano, che si ritroveranno a lottare da soli contro una diretta concorrente che spera di archiviare con una vittoria la pratica salvezza per potersi lanciare solo all'assalto della griglia playoff.

Ragionamento che, nel chiuso dello spogliatoio, sta facendo da giorni anche lo squalificato Eziolino Capuano. Ironia della sorte l'allenatore di Pescopagano, all'ultimo turno di stop compreso nei 13 giorni di inibizione beccati per le dichiarazioni lesive agli organi arbitrali dopo la sfida di coppa Italia persa in casa contro la Ternana, in tribuna incrocerà il suo collega Trocini, pure lui fermato per una giornata dopo l'espulsione nel derby perso a Bari. Parità assoluta in panchina, in tribuna e pure in campo dove gli irpini dovranno rinunciare all'apporto di Bertolo, alla quinta ammonizione ma anche infortunato, mentre i pugliesi hanno perso l'attaccante Vasquez che sarà sostituito da Perez, bestia nera dei lupi.

Contrariamente a quello che è stato il trend del campionato, contro la Virtus Francavilla ci sarà da far fronte ad una vera e propria emergenza difensiva. Alla squalifica di Bertolo si è infatti aggiunto il forfait di Morero, risentimento muscolare al pari di Albadoro che pure è rimasto a casa. Sono saliti sul pullman per la Puglia ma con poche speranze di scendere in campo, invece, sia Zullo che Njie. Il centrale di Apice prima della partita proverà a stringere i denti ma anche per lui c'è il rischio di complicare ulteriormente le cose dal punto di vista muscolare. Per questa ragione l'ipotesi più probabile è quella che si possa ricorrere alla soluzione tampone con Celjak spostato sul braccetto di destra della difesa, Illanes dirottato su quello di sinistra e Laezza nell'insolito ruolo di regista difensivo. Esperimento già messo in opera nell'amichevole del giovedì contro il Baiano quando il posto del croato è stato preso da Rizzo, baby arrivato dal Livorno che ha dimostrato di avere una grande progressione in fase di spinta ma anche qualche lacuna in quella di non possesso. Per questa ragione non è da escludere che alla fine Capuano possa optare per De Marco, rientrato pure lui in gruppo da 48 ore, anche per dare maggiore esperienza e stabilità ad un reparto dove Di Paolantonio, Izzillo e Parisi sono portati a giocare più di fioretto che di sciabola. Ma non solo. Essendo il regista di Teramo tornato disponibile solo nella rifinitura di ieri mattina, Capuano intende gestirlo al meglio tenendosi Rossetti e Garofalo come alternative, in netto vantaggio sull'argentino Federico che non sembra entusiasmare più di tanto il tecnico.

Se in difesa e in mediana persiste qualche dubbio, in attacco la bandiera bianca alzata da Albadoro ha fatto scattare il semaforo verde alla prima da titolare di Demiro Pozzebon che a Bisceglie ha avuto il suo secondo battesimo biancoverde entrando nella ripresa proprio al posto dell'ex Ternana. Nel 3-4-2-1 che di recente Capuano sta utilizzando come canovaccio base, Pozzebon avrà alle sue spalle Micovschi e Ferretti: il primo più adatto per il gioco in profondità; il secondo predisposto soprattutto per la giocata di fantasia negli ultimi metri. I tre giocheranno per la prima volta insieme con i due esterni che dovrebbero alternarsi spesso sulle corsie laterali con l'obiettivo primario di contribuire alla prima vittoria in campionato in questo scorcio di nuovo anno avaro di soddisfazioni.  © RIPRODUZIONE RISERVATA