Coronavirus, il calcio si ferma:
la Serie C rinvia tutte le gare

Martedì 10 Marzo 2020 di Danilo Sorrentino
La Lega Pro ha rinviato, a data da destinarsi, tutte le gare in programma dal 10 marzo al 3 aprile, in ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020. Ieri il governo ha decreto la sospensione di tutti «gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati». Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali; resta consentito esclusivamente lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus Covid-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. 

Per questo la terza serie, recependo tale provvedimento, ha decretato il rinvio di tutte le gare in programma in questo arco temporale, compresi i recuperi nei gironi A e B. Nei prossimi giorni sarà resa nota la nuova programmazione delle singole gare, in merito al giorno e all’orario di svolgimento.

Quindi Avellino, Casertana, Cavese e Paganese - così come tutte le altre società - non giocheranno fino agli inizi di aprile. Chiaro che poi ogni club deciderà il programma di allenamenti e stabilirà se proseguire l'attività o meno.  Ultimo aggiornamento: 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA