Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Juve Stabia con la Viterbese
Colucci: «Voglio tutti concentrati»

Venerdì 23 Settembre 2022 di Gaetano D'Onofrio
Juve Stabia con la Viterbese Colucci: «Voglio tutti concentrati»

Secondo turno di fila al Menti, la Juve Stabia cerca conferme, dopo il quarto posto conquistato contro il Monopoli, contro una Viterbese che, a dispetto della classifica, vanta un organico di sicuro spessore per la categoria. Il dubbio principale riguarda la presenza, per la prima volta da ex di Davide Marotta, ma per Colucci è l’avversario, al di là dei singoli, da prendere con le molle: “Abbiamo lavorato bene – ha detto alla vigilia -, e sono convinto che l’approccio sarà buono. La squadra sta bene, ed ovviamente dopo una vittoria di prestigio come quella di domenica scorsa si viaggia anche un po’ sulle ali dell’entusiasmo”. Marotta si, Marotta no, il tecnico non fa sconti a nessuno: “Sono novanta minuti, più i cinque o sei dei possibili recuperi, in cui bisogna tenere sempre alta la tensione. Siamo all’inizio del campionato, tutte giocano con la mente sgombra dai timori della classifica, e questo può essere un punto in più in favore di chi affrontiamo settimana dopo settimana, avendo sempre poco da perdere. Ai ragazzi l’ho spiegato, voglio una Juve Stabia sempre sul pezzo”. Alla vigilia della sfida serale, il tecnico si sofferma sulla proposta di evitare le notturne per la vicenda della crisi energetica: “Giocare alle dodici non è il massimo – ribadisce -, da uomo del sud sappiamo bene che la domenica si sta prima a casa, e poi si va allo stadio, e quello non mi sembra certo l’orario più adatto per avvicinare la gente agli stadi. Di sicuro porsi il problema è importante, è una crisi a livello mondiale ed il calcio non può non tenerne conto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA