Juve Stabia. Padalino scuote
la squadra: «Guai distrarsi»

Mercoledì 11 Novembre 2020 di Gaetano D'Onofrio

Assorbita l’amarezza per l’ennesimo stop immeritato, sia pure contro la corazzata Bari, la Juve Stabia si prepara alla sfida di domani, al Menti con il Palermo. Padalino dovrà fare a meno di elementi come Troest, Cernigoi, Golfo, ma non sembra fasciarsi la testa, al di la’ del valore dell’avversario: “Purtroppo abbiamo le stesse assenze di domenica – spiega l’allenatore -, ma non per questo dobbiamo preoccuparci. Affrontiamo un avversario titolato, partito forse male, ma che contro il Catania ha dimostrato di avere valori importanti. Hanno fatto quadrato, sarà una sfida da prendere con la giusta concentrazione”. Una Juve Stabia che cresce settimana dopo settimana, e che non ha intenzione di rallentare la corsa: “No. Siamo partiti con diverse difficoltà, ma siamo sempre riusciti ad andare oltre ogni problema. Dobbiamo cercare di sbagliare il meno possibile, cercando di migliorare sia sotto l’aspetto del gioco, che della determinazione. Un piccolo passo quanto a consapevolezza, abbiamo i mezzi per disputare un torneo importante”. Col Palermo il primo test duro al Menti: “Loro sono una buona squadra, ma la Juve Stabia deve essere la Juve Stabia, sempre. E dare il massimo contro ogni avversario. Certo, per noi che siamo partiti in ritardo, non è facile giocare ogni tre giorni come accade da tempo, ma come sempre cercheremo di andare oltre le difficoltà fisiche. Anche perché dopo avremo un’altra gara difficilissima”. Domenica il derby con la Turris, una gara che manca da tantissimo per la storia dei due club, che a Castellammare, ma anche a Torre del Greco, è attesissima: “Oggi pensiamo all’avversario di turno, poi da domani sera penseremo alla Turris. Una squadra che sta facendo bene, ma noi siamo la Juve Stabia e ci faremo rispettare, come sempre, su ogni campo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA