Juve Stabia: protagonista tra i pali,
​Tomei sogna lo sgambetto al Bari

Martedì 3 Novembre 2020 di Gaetano D'Onofrio

Una sola parata, che è parsa valere tre punti. Almeno quanto il gol di Fantacci. Protagonista assoluto contro il Bisceglie, Matteo Tomei sorride al cammino della Juve Stabia, e pensa già alla sfida esaltante del “San Nicola” di Bari: “Siamo un’ottima squadra, con una solidità difensiva che sta facendo la differenza. Davanti a me ho calciatori del calibro di Allievi e Troest, che non scopriamo certo ora, e questo mi consente di dormire spesso tra due guanciali. Il lavoro settimanale, i consigli di Padalino sono sicuramente un valore aggiunto. Dove possiamo arrivare? Di strada ce n’è da fare, ma abbiamo intrapreso il sentiero giusto e sono fiducioso per il cammino fino a fine anno”. Ghinassi e Padalino hanno puntato su di lui, soprattutto dopo l’infortunio di Danilo Russo che dovrà sudare le fatidiche sette camicie per soffiargli il posto di titolare: “Non posso che ringraziare per la fiducia e l’opportunità – spiega Tomei -, per me è un onore essere in una piazza così importante. Quanto a Danilo, spero possa riprendersi presto, starà poi al tecnico decidere di volta in volta, ed a noi cercare di metterlo in difficoltà”. Tacconi è il modello da sempre, da ex Siracusa ha avuto modo di apprezzare il gemellaggio storico tra stabiesi ed aretrusei, per Tomei è un po’ come essere a casa: “Beh, sono due piazze speciali, ed aver difeso i pali delle due squadre è un piacere. Qui ho ritrovato la passione dei siciliani, e spero di ripagare l’affetto dei tifosi con le prestazioni sul campo”. A Bari non sarà una passeggiata… “Assolutamente. Affrontiamo una delle corazzate del girone, tra l’altro dopo una sconfitta cocente come quella di Foggia. Siamo consapevoli, però, dei nostri pregi e dei nostri limiti. La storia non è stata ancora scritta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA