Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'attaccante scuola Napoli Russo
sempre più vicino all'Avellino

Domenica 26 Giugno 2022 di Giuseppe Guerriero
L'attaccante scuola Napoli Russo sempre più vicino all'Avellino

Ultimi giorni di trattative ufficiose, poi sarà il momento di mettere nero su bianco. La lista delle operazioni, in casa biancoverde, si preannuncia molto lunga. Sia in entrata che in uscita. Il ds Enzo De Vito sta lavorando a trecentosessanta gradi per l'allestimento dell'organico da mettere a disposizione del tecnico Roberto Taurino (che da venerdì primo luglio potrà essere ufficialmente presentato alla piazza).
Sul fronte acquisti nella giornata di ieri è arrivata la conferma di un altro probabile colpo in entrata. L'operatore di mercato biancoverde avrebbe definito l'arrivo a parametro zero di Raffaele Russo, attaccante esterno classe 1999 scuola Napoli, in forza al Messina nell'ultima stagione, dove ha realizzato 3 reti in 19 presenze.

Il calciatore non rinnoverà il contratto con i partenopei. Venerdì, come confermato dall'agente del calciatore Fabio Ottieri, potrebbe esserci la firma per legare il calciatore ai biancoverdi. Possibile un accordo pluriennale. Con l'eventuale addio di Riccardo Maniero (Turris in pole, la settimana prossima potrebbe sbloccarsi la trattativa), invece, il responsabile del mercato biancoverde sarà chiamato a trovare un erede degno di nota per far esplodere l'amore dei tifosi. Il sogno, d'attualità già nelle precedenti settimane, potrebbe essere quello legato al ritorno di Andrey Galabinov (9 gol con la Reggina nell'ultima stagione), voluto già ad Avellino dallo stesso De Vito nella stagione 2013-2014. L'ostacolo all'eventuale trasferimento del centravanti bulgaro (contratto fino al 2024 con la società calabrese) potrebbe essere rappresentato dal suo ingaggio, che da un lato potrebbe alleggerire quello della Reggina, mentre dall'altro appesantirebbe la situazione finanziaria biancoverde. La fattibilità dell'operazione, pertanto, potrebbe essere valutata solo dopo la cessione degli esuberi della rosa dello scorso anno, con l'ultima parola che spetterebbe, naturalmente, al presidente D'Agostino.

Sempre per il reparto avanzato, inoltre, De Vito valuta l'ipotesi Michael Liguori, esterno d'attacco destro (ma con piede preferito sinistro) classe '99, in forza al Campobasso nell'ultima stagione e blindato da un contratto fino al 2023. Calciatore abile nell'uno contro uno, calzerebbe a pennello nell'ipotetico 3-4-3 di Taurino. L'interessamento irpino farebbe vacillare il calciatore, che nell'ultima stagione ha collezionato 11 reti e 9 assist in 34 partite. L'Avellino si è anche iscritto alla lunga lista di eventuali pretendenti per Luigi Cuppone. Il centravanti di proprietà del Cittadella potrebbe decidere di lasciare la B (in precedenza si era parlato del Cosenza) solo per una grande piazza. Non è escluso che per il dopo Maniero, De Vito stia sondando sotto traccia anche qualche altro profilo.

Il ds sta lavorando per assicurare una copertura di elementi utili in tutti i ruoli alla causa minutaggio di mister Taurino. Ed è per questo motivo che si è raffreddata la pista Andrea Fulignati. Per il ruolo di estremo difensore in risalita le quotazioni di Simone Ghidotti, classe 2000, ultima stagione al Gubbio (35 presenze, 40 gol subiti e 11 clean sheet), che arriverebbe in Irpinia in prestito dalla Fiorentina. Un'opzione che permetterebbe al nuovo trainer di ridurre eventualmente a due la batteria under di movimento. L'Avellino resta in prima fila per i prestiti dei giovani Lorenzo Moretti (classe 2002) dall'Inter e Simone Giordano (sempre 2002) dalla Sampdoria, e starebbe seguendo con interesse il centrocampista, anch'egli classe 2002, Andrea Mancino (nell'ultima stagione all'Arezzo in serie D).
Sul fronte uscite l'obiettivo è quello di liberarsi degli elementi della rosa in esubero, o non funzionali al progetto di Taurino. Per alcuni calciatori l'anagrafica, la durata contrattuale e l'ingaggio elevato potrebbero rappresentare gli ostacoli per individuare l'interlocutore giusto. Con una dose di pazienza e managerialità non indifferente, utili ad evitare possibili contrasti, il ds biancoverde proverà a trovare una soluzione positiva alle casse della società. Nel corso delle ultime ore sembra essersi risolta la grana Carriero. Il calciatore, all'inizio della settimana, potrebbe firmare la risoluzione contrattuale con i biancoverdi. L'accordo con la società sarebbe scaduto il 30 giugno del prossimo anno. Per la conclusione anticipata del rapporto il sodalizio biancoverde potrebbe corrispondere al calciatore anche un eventuale indennizzo. Carriero, a sua volta, da svincolato, nei prossimi giorni potrebbe tornare al Monopoli.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA