L'Avellino ha gli uomini contati
anche Plescia out

Mercoledì 29 Settembre 2021
L'Avellino ha gli uomini contati anche Plescia out

Alla sesta tappa del gran premio di un campionato che l'Avellino punta a vincere, domani sera con partenza fissata alle 21, per battere il suo ex Catanzaro, Piero Braglia sarà costretto a scendere nuovamente in pista con il muletto della scorsa stagione. Impegnato per l'intero pomeriggio di ieri a sistemare l'assetto della sua macchina nel box del Partenio-Lombardi, a malincuore, il tecnico di Grosseto ha preso atto che, quasi certamente, non riuscirà a recuperare nessuno degli infortunati. Sia Vincenzo Plescia, pure ieri a letto con la febbre, che Antonino Di Gaudio, sempre impegnato in un lavoro differenziato, non hanno lanciato segnali incoraggianti. Salvo miracolose guarigioni nella rifinitura di questa sera, entrambi resteranno fuori dalla lista dei convocati insieme a Mamadou Kanoute e Claudiu Micovschi, mentre Gennaro Scognamiglio potrebbe andare in panchina almeno per onor di firma.


Insomma, il quadro non è dei più incoraggianti, ma non per questo induce al pessimismo. La vittoria contro il Potenza è stata infatti foriera di una ventata di tranquillità che è servita per far allentare la pressione della piazza e, di riflesso, far riacquistare fiducia al gruppo. Con le scelte praticamente dettate dalle assenze e dalla prudenza predicata dallo staff medico, Piero Braglia non avrà alternative allo stesso 3-5-2 varato contro i lucani in cui potrà al massimo provare ad alternare qualche pedina. Nel gioco delle coppie, impossibile da attuare in difesa dove con Sbraga tuttora in castigo e Scognamiglio fuori causa non si può prescindere da Silvestri, Dossena e Bove, gli indiziati ad un passaggio del testimone sono Mignanelli e Tito, sulla corsia mancina, ma anche Messina e Gagliano, in supporto al titolare Maniero. Per l'ennesima volta, quindi, non dovrebbe cambiare nulla in mediana dove Mastalli e Matera, seppur in ripresa, restano in seconda fila rispetto ai titolari Carriero, Aloi e D'Angelo.


Anche per loro, tuttavia, ci sarà sicuramente spazio nel corso di una partita in cui la condizione fisica potrebbe fare la differenza tra due squadre abbastanza simili che si disporranno a specchio. Appaiati in classifica dopo una falsa e deludente partenza almeno quanto quella dei lupi irpini, i calabresi di Calabro arriveranno al Partenio Lombardi con le scorie provocate dal quarto pareggio consecutivo di lunedì sera. Quanto basta per far finire sulla graticola l'allenatore giallorosso sul quale, dopo il pari in casa contro il Catania favorito da un rigore inesistente, sono piovute le critiche dei tifosi giallorossi. Come se non bastasse, l'ex allenatore di Carpi e Viterbese che in Calabria è affiancato dall'avellinese Pasquale Visconti nel ruolo di preparatore dei portieri, domani sera potrebbe avere qualche assenza pesante in rosa.


In dubbio sul fronte ospite ci sono il portiere Branduani, che accusa un fastidio muscolare, e il difensore Martinelli, che ha rimediato un brutto colpo alla spalla destra e attende l'esito dell'esame ecografico. Per quest'ultimo si sospetta una lussazione.
Avendo un organico abbastanza ampio, però, è probabile che Calabro applichi un turn over abbastanza spinto soprattutto in attacco dove potrebbe essere inizialmente accantonato Carlini per far posto a Cianci al fianco dell'argentino Vasquez. Per pensare alla formazione da mandare in campo nel posticipo di domani, che sarà anticipato dalla sfida tra Catania e Turris delle 14.30, sia Braglia che Calabro avranno comunque ancora un altro giorno a disposizione. Nel frattempo, a partire dalle 17,30 di oggi, entrambi daranno un'occhiata alle altre squadre del girone impegnate negli anticipi del sesto turno. Ad aprire il programma odierno sarà la trasferta della capolista Bari sul campo del Messina di Sullo e l'impegno casalingo dell'inseguitrice Taranto che ospiterà il Monterosi, prossimo avversario dell'Avellino. A seguire, dalle 18, spazio al derby tra Andria e Foggia, ma anche le sfide tra Latina - Juve Stabia, Monopoli - Picerno, Paganese - Vibonese, Palermo - Campobasso e, in conclusione, Potenza - Francavilla.

Ultimo aggiornamento: 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA