Paganese, Erra sfodera l'orgoglio:
«Abbiamo inseguito la vittoria»

Lunedì 13 Gennaio 2020 di Danilo Sorrentino
Al triplice fischio è andato anche lui, con i giocatori e lo staff, sotto lo spicchio di stadio riservato ai tifosi della Paganese, per partecipare all'ormai tradizionale coro di fine partita con i tifosi. Alessandro Erra sa di aver sbancato un campo importante e di aver agguantato tre punti preziosi nel cammino verso la salvezza. La sua squadra, a Monopoli, ha interpretato bene la partita, preparata nei particolari nella lunga sosta natalizia: «Faccio i complimenti ai miei giocatori, che hanno interpretato la gara in modo superlativo. Ci hanno messo grande attenzione, concentrazione per tutti i 90' e ho visto enorme spirito di squadra. Ho visto una formazione, la mia, che ha creduto di fare risultato e voleva portare a casa l'intera posta in palio. Lo dimostra il fatto che non ci siamo accontentati del pareggio e abbiamo spinto fino a quando non abbiamo trovato il gol del vantaggio, sfruttando quest'occasione che si è presentata con Diop e Calil», ha detto il tecnico azzurrostellato.

Nel finale, sofferenza fisiologica: «Dopo l'1-0, il Monopoli ha cercato di inserire diversi giocatori offensivi, ma credo che al netto della parata di Baiocco su Salvemini abbiamo contenuto, senza soffrire granchè. Abbiamo affrontato un avversario di tutto rispetto, che ha una classifica non casuale e per questo motivo la vittoria è ancor più prestigiosa ed importante. Dopo una sosta così lunga - ha spiegato Erra - tornare a giocare è un'incognita per tutti, come se fosse la prima di campionato. Noi abbiamo lavorato tanto, abbiamo sfruttato l'episodio giusto e difeso con le unghie e con i denti questo risultato importantissimo per noi».  © RIPRODUZIONE RISERVATA