Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paganese-Foggia 1-4,
Zeman dà lezioni di calcio

Giovedì 17 Marzo 2022 di Francesco Pepe
Paganese-Foggia 1-4, Zeman dà lezioni di calcio

La Paganese fa harakiri e crolla in casa contro il Foggia. Non basta agli azzurrostellati l'iniziale vantaggio di Tommasini per muovere la classifica. La squadra di Zeman si rialza subito e nella ripresa sfodera una prestazione maiuscola per portare a casa l'intera posta in palio grazie anche all'ingresso di uno scatenato Turchetta. Il tecnico di casa Grassadonia conferma la difesa a tre, ma lascia in panchina Murolo per rispolverare Sbampato sul centrodestra del pacchetto arretrato. In mediana si rivede Bensaja dopo un turno di squalifica mentre Castaldo si accomoda in panchina dopo un mese di stop. Il primo brivido è di marca rossonera. Di Paolantonio lancia Ferrante che calcia però a lato di sinistro da posizione favorevole (5’). Al 20’ invece Merola trova l'opposizione di Baiocco in angolo dopo una combinazione con Curcio. La reazione della Paganese tarda ad arrivare nonostante la squadra di casa non disdegni qualche buona giocata per affacciarsi nella metà campo avversaria ma il terreno di gioco, in non perfette condizioni, non consente un palleggio fluido. Solo al 43’ una mischia in area pugliese non viene sfruttata a dovere da Diop e Zanini che non riescono a trovare il varco utile per insaccare. Ad inizio ripresa Grassadonia cambia sulla corsia di destra con l'inserimento di un più offensivo Martorelli in luogo di Perlingieri. Il primo tentativo è dei padroni di casa con il sinistro di Cretella smorzato da un difensore ospite in angolo (2’). Un giro di lancette ed il Foggia si rende minaccioso con un tiro di Curcio sventato da Baiocco mentre Petermann non inquadra il bersaglio grosso per questione di centimetri. Il match è più vibrante. Tommasini tocca di tacco in area con Alastra che smanaccia. Konate poi mette sul fondo in girata. Zanini calcia fuori invece all'8' su assist di Tommasini.

L'attaccante liguorino appare pimpante e sblocca il risultato poco prima del quarto d'ora. Konate serve in corridoio Diop che scarica per lo stesso Tommasini bravo a piazzarla di piatto con la complicità di Alastra. Nella circostanza il portiere si infortuna al ginocchio e deve lasciare il campo. La risposta del Foggia arriva con il piazzato di Curcio respinto da Baiocco (20'). È il preludio al pareggio che arriva con Nicolao che si avventa su un pallone vagante in area e ristabilisce l'equilibrio. Rocca poi, su assist di Turchetta, ribalta addirittura il risultato. Grassadonia gioca allora la carta Firenze per rientrare in partita.

La Paganese però crolla ed incassa anche la rete del tris. Baiocco respinge su Curcio ma non può nulla sulla botta di Turchetta che piega definitivamente la compagine di casa. In pieno recupero Curcio sigilla una prova gagliarda della formazione dauna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA