La Juve Stabia è un rullo in trasferta:
Caldore batte la Paganese

Domenica 21 Marzo 2021 di Danilo Sorrentino
La Juve Stabia è un rullo in trasferta: Caldore batte la Paganese

La Juve Stabia è un rullo compressore in trasferta e, anche vicino casa, conferma di essere a suo agio. Le vespe passano anche al Torre, ottenendo la sesta vittoria di fila fuori casa e la quinta nelle ultime cinque partite in generale: se c'è una squadra che ora è fra le più in forma del campionato, quella di Padalino non ha nulla da invidiare a Ternana ed Avellino. Gestione impeccabile della gara del Torre, trovando l'uno-due mortifero ad inizio secondo tempo con l'uomo meno atteso, ossia il difensore Marco Caldore, autore della doppietta decisiva in 5 minuti che ha mandato al tappeto la Paganese. Per gli azzurrostellati si tratta del secondo ko in casa di fila e dell'ennesima occasione persa per scavalcare la Vibonese: la salvezza diretta resta una chimera, anche perchè all'orizzonte ci sono tre gare fuori casa. 

Il primo tempo è stato molto equilibrato e ricco di emozioni, la Paganese avrebbe meritato di più in apertura con un paio di chance avute da Diop, mentre al primo affondo la Juve Stabia trova il vantaggio con il solito Marotta: lanciato sul filo del fuorigioco da Berardocco, si invola verso la porta e batte Baiocco in diagonale. La reazione degli azzurrostellati è buona, Zanini colpisce la traversa dalla distanza, mentre alla mezz'ora Diop raccoglie una corta respinta di Farroni per segnare un facile tap-in. Poco prima la Juve Stabia aveva reclamato un penalty che sembrava esserci.

L'equilibrio viene spezzato nella ripresa da un avvio shock della Paganese che si addormenta su due calci d'angolo, dando campo libero a Caldore di realizzare la sua prima doppietta fra i professionisti. Per la Paganese l’unica occasione della seconda frazione è una punizione di Zanini terminata di poco a lato ma per il resto poche idee per far veramente male a Farroni. La Juve Stabia, invece, gestisce il vantaggio come una big e si issa al quinto posto in solitaria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA