Paganese, solita storia: tris Monopoli, Scarpa sbaglia un rigore

Giovedì 14 Febbraio 2019 di Danilo Sorrentino
Finisce sempre così: con la Paganese sconfitta in casa, i fischi del (poco) pubblico e a fare i conti sul Bisceglie che, per fortuna degli azzurrostellati, ha perso di misura in casa della Sicula Leonzio. La distanza dai nerazzurri resta invariata (-10, ad oggi non ci sarebbero comunque i playout), ma è l'unica notizia positiva della serata per Fabio De Sanzo. Contro il Monopoli, reduce da due sconfitte di fila, la Paganese si è arresa troppo facilmente, quasi consapevole dell'inevitabile sconfitta, senza neppure provare a fare risultato. Il 3-1 finale è la sintesi di un primo tempo bruttissimo, condito dall'errore di Scarpa dal dischetto che avrebbe potuto riaprire il match, ed una ripresa in cui la Paganese ha calciato solo tre volte in porta nonostante la superiorità numerica. 

A nulla è servito il tentativo di De Sanzo di dare esperienza alla difesa, con il ritorno di Galli fra i pali (con il tecnico calabrese non aveva mai giocato) e l'esordio da titolare di Dellafiore, lontanissimo da una condizione fisica accettabile. Del resto la sua ultima gara da titolare risaliva a dieci mesi fa. L'esperto centrale italo-argentino si è trovato a comandare una retroguardia giovanissima che al 18' aveva già incassato il primo gol, con Mangni bravo e fortunato a vincere una serie di rimpalli prima di battere Galli in diagonale. Otto minuti e i biancoverdi raddoppiano con Gerardi, che rraccoglie una respinta di Galli ed insacca da due passi con un comodo tocco di piatto. La Paganese non si aiuta nemmeno, perchè Scarpa avrebbe l'occasione per accorciare le distanze ma spara altissimo il calcio di rigore concesso per fallo di Bastrini su Parigi. 

Gli azzurrostellati giocano in undici contro dieci per tutto il secondo tempo, dato che poco prima dell'intervallo Gerardi rimedia due gialli e lascia i suoi in inferiorità numerica. Che però non si vede perchè l'unico pericolo alla porta di Pissardo lo produce Di Renzo dopo 40", mandando a lato da buona posizione. De Sanzo gioca anche la carta Della Morte passando al 4-4-2, ma l’inerzia della sfida non cambia con il Monopoli che si difende senza alcun affanno. Anzi a metà ripresa Paolucci ruba palla a Capece, si fa tutto il campo palla al piede e, superato anche Dellafiore, deposita alle spalle di Galli. Tracce azzurre solo con un palo colpito da Nacci e con la rete della bandiera messa a segno dal neo-entrato Perri allo scadere.   © RIPRODUZIONE RISERVATA