Sassari Torres-Benevento, i giallorossi si preparano con cuore e coraggio

I sanniti dovranno giocare a viso aperto

Il Benevento
Il Benevento
di Luigi Trusio
Venerdì 24 Maggio 2024, 11:31
4 Minuti di Lettura

Il Benevento a Sassari senza speculare, ma con l'obiettivo di provare a vincere ignorando totalmente il vantaggio - purtroppo esiguo - dei due risultati a disposizione. La gestione non è nelle corde della squadra di Auteri, che deve puntare sempre al bottino grosso per esprimere al massimo il suo potenziale. Pertanto, niente calcoli di sorta ma un approccio come se fosse una partita secca, da dentro o fuori, e come se si ripartisse dallo 0-0.

La rete in più servirà solo a mettere pressione alla Torres, che in casa, c'è da scommetterci, partirà a razzo come ha fatto d'altronde anche al “Ciro Vigorito” cercando di sbloccarla sin dai primi minuti. Il Benevento non deve commettere l'errore di abbassarsi troppo e concedere campo, bensì rintuzzare le avanzate dei padroni di casa colpo su colpo, come ha fatto sapientemente nella sfida d'andata.

È evidente che i sardi avranno dalla loro la spinta del pubblico e di uno stadio pieno in ogni ordine di posto (il “Vanni Sanna” attualmente è omologato per 5mila posti a fronte di una capacità totale di 7480, ma si sta lavorando ad un momento di capienza - non ancora ratificato - che possa permettere di arrivare a 6200), ma il Benevento ha tutte le carte in regola per non lasciarsi intimidire. D'altro canto i giallorossi sanno bene quanto sia fondamentale scavallare i quarti di finale: dalle semifinali in poi i posizionamenti di classifica ottenuti in regular season non serviranno più a nulla e non saranno dirimenti né per la scelta di chi giocherà il ritorno in casa (tabellone già sorteggiato) né per passare il turno in caso di somma gol uguale o pareggio nei 180 minuti. Ci sarà infatti l'introduzione di supplementari e rigori.

L'obiettivo 

I sanniti avrebbero la ghiotta opportunità, in caso di accesso alle semifinali e alla eventuale finale, di giocare sempre in casa il match ritorno, come stabilito dal sorteggio di domenica scorsa.

Un'occasione da non lasciarsi sfuggire. Ieri mattina l'ultimo allenamento in città prima del pranzo e della successiva partenza per il ritiro di Roma, avvenuta nel primo pomeriggio.

La comitiva giallorossa ha trascorso la notte al “Mancini Park Hotel” sul cui terreno di gioco questa mattina effettuerà un'altra sgambatura, mentre nel primissimo pomeriggio si trasferirà a Fiumicino per salire sull'aereo che, decollando alle 16.30 la farà atterrare ad Alghero alle 17.35. Da lì in bus fino al quartier generale sardo, fissato in un albergo nella immediata periferia di Sassari. Per ovvie ragioni logistico-organizzative, non è stata programmata la conferenza stampa di Gaetano Auteri. Domani mattina sveglia e rifinitura antimeridiana in un campo poco fuori Sassari in erba naturale, poi la partita alle 20.30 (che sarà trasmessa in chiaro da Rai Sport) e il nuovo pernottamento.

Domenica il rientro con il volo da Alghero alle 11.10 con sbarco nella capitale alle 12.15 e ritorno a Benevento previsto intorno alle 15.30. Niente prove generali ieri per il tecnico che, ancora una volta, dinanzi ad una discreta rappresentanza di sportivi (la seduta era a porte aperte), ha preferito far disputare la partitella finale soltanto a coloro i quali non hanno giocato martedì sera nella sfida d'andata, oppure sono subentrati. Tutti gli altri hanno svolto la prima parte della esercitazioni e poi hanno lavorato essenzialmente in palestra. Tutti presenti (incluso lo squalificato Pinato, escluso per ovvie ragioni dai convocati) eccetto Pastina. Auteri medita qualche piccolo cambiamento di formazione ma prima vuole testare la condizione dei potenziali titolari.

Nel frattempo la prevendita del settore ospiti del “Vanni Sanna”, che avrebbe dovuto aprirsi ieri, a questa mattina alle 10.00 perché il sistema di emissione è ancora tarato sulla prelazione abbonati della Torres (che si conclude appunto questa mattina), e quindi è risultato inaccessibile ai tifosi del Benevento sia attraverso le ricevitorie che attraverso la vendita online. A dirigere Torres-Benevento è stato designato Galipò di Firenze, arbitro spesso al centro di polemiche (non con i giallorossi). Al Var Ghersini che da direttore di gara ha 20 precedenti con la strega (9 successi, 2 pari, 8 sconfitte) e l'ha fatta infuriare in più di un'occasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA