Serie C: calendario affollato, salta
la Coppa, liste chiuse a 22 e under fino ai '98

Venerdì 24 Luglio 2020 di Danilo Sorrentino
Per la prima volta dal 1972, quando nacque, la Coppa Italia di Serie C non sarà disputata. La prossima stagione di terza serie 2020/2021 è già "storica" per questo motivo. La dolorosa scelta è stata comunicata dal Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, ai presidenti delle società che oggi si sono riuniti in videoconferenza per l'Assemblea di Lega. L'inizio ufficiale del nuovo campionato fissato per il 27 settembre, un calendario che si preannuncia alquanto fitto e la necessità di concludere tutti gli appuntamenti prima degli Europei hanno imposto alla Lega Pro la rinuncia alla competizione tricolore di categoria. Perciò nessuna squadra potrà, almeno in questa stagione, alzare il trofeo che solo un mese fa si aggiudicava la Juventus U23.

L'Assemblea di Lega odierna, però, aveva particolare interesse anche per quanto riguarda le indicazioni circa la compilazione delle rose per la prossima stagione. E' stato fissato a 22 il numero massimo calciatori presenti in rosa, esclusi i giovani di serie che invece possono essere anche illimitati. Sono ricompresi in questa lista tutti i giocatori nati dal 2001 in poi, ma anche i classe 2000 già sotto contratto. Chi, invece, ha un numero di tesserati che al momento già supera le 22 unità, a causa di contratti pluriennali, può mantenerli ma non sostituirli. E' stato aumentato il numero di prestiti da altre società, che è passato da sei ad otto.

Nel corso della riunione fra i presidenti, sono stati anche chiariti i criteri per accedere ai contributi di Lega previsti per la valorizzazione dei giovani di nazionalità italiana. Ai fini del minutaggio, anche per questa stagione, saranno considerati under i calciatori nati dal 1998 in poi, con il vincolo che i classe '98 in campo contemporaneamente possono essere al massimo due (dal terzo in poi non vengono considerati). Leggermente cambiato anche il minutaggio complessivo che i giovani dovranno avere, passato da un minimo di 270' a un minimo di 271' (la quota massima è rimasta invariata a 450'). Questo comporta che tre under dovranno essere fissi, comprese le sostituzioni, mentre un quarto under dovrà disputare almeno un minuto. © RIPRODUZIONE RISERVATA