Turris-Juve Stabia, un tempo a testa:
Rainone riprende le vespe al Liguori

Domenica 15 Novembre 2020 di Raffaella Ascione

Codromaz chiama nel primo tempo, Rainone risponde nella ripresa: finisce 1-1 il derby del Liguori fra Turris e Juve Stabia. Un pari che rispecchia in maniera sostanzialmente fedele l’andamento del match: meglio le vespe nella prima frazione di gioco, decisamente più pimpante e propositiva la Turris nella ripresa.

Tra i corallini ancora indisponibili Signorelli, Persano e Sandomenico. Mister Fabiano opta dunque per un iniziale 3-4-1-2: difesa a tre con Esempio, Di Nunzio e Rainone; quartetto in mediana con Franco e Tascone a comporre la coppia centrale, Da Dalt e Loreto sulle corsie; in avanti, Giannone a supporto del duo Pandolfi-Longo. Nel 4-3-3 stabiese, c’è Bubas a fungere da terminale offensivo.

Parte meglio lo Stabia, che mantiene il pallino del gioco a dispetto di una Turris che fatica invece ad innescare le ripartenze. Il vantaggio ospite all’11’: sugli sviluppi di un calcio dalla bandierina, Codromaz svetta in area praticamente indisturbato e insacca di testa. Tascone ci prova con una staffilata dalla distanza ma il tentativo è velleitario. La Juve Stabia mantiene il controllo del gioco ma la Turris alla lunga cresce d’intensità e alla mezz’ora rischia di pungere con Pandolfi, che da posizione favorevole perde però l’attimo buono per la battuta a rete. Stabia vicino al raddoppio con Scaccabarozzi, su cui è decisiva la smanacciata di Abagnale. Nell’occasione, scintille fra Rainone e Bentivegna, entrambi sanzionati con il giallo. Episodio dubbio nell’area gialloblù al minuto 39, quando l’accorrente Tascone viene messo giù: per il direttore di gara si tratta però di simulazione, con tanto di giallo al centrocampista corallino. Finisce sostanzialmente qui la prima frazione.

Nella ripresa, subito l'ingresso del corallino D'Ignazio a rilevare Loreto. Due minuti e la Turris la riprende con Rainone, a segno di testa sugli sviluppi di un corner per il definitivo 1-1. Al 17’ è il turno di Romano, in campo a rilevare Giannone. La Turris è viva e pimpante, mentre le vespe sembrano aver smarrito la freschezza e lo smalto dei primi quarantacinque minuti. Padalino corre quindi ai ripari con un triplo cambio: dentro Berardocco, Vallocchia e Romero, a rilevare Scaccabarozzi, Bentivegna e Bovo. Alla mezz’ora un inesauribile Da Dalt scodella un buon pallone in area dalla destra, ma il colpo di testa di Pandolfi si spegne sopra il montante. Al 37’ è il momento di Fabiano, chiamato a rilevare Tascone.  Al 42’ Abagnale sventa sugli sviluppi di un calcio dalla bandierina. Nei minuti finali dentro Lorenzini, Turris dunque con il 4-4-2.

Il punto consente ai corallini di mantenersi nei quartieri alti della classifica, addirittura alle spalle del terzetto Ternana-Bari-Teramo; Turris a quota 16 a braccetto con il Catanzaro. In piena zona playoff - a quota 14 - la Juve Stabia, che interrompe un digiuno di punti durato due giornate, dopo i ko contro Bari e Palermo. 

Ultimo aggiornamento: 19:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA