Turris, prima da ex per Caneo
contro il Palermo: «Interessante»

Sabato 16 Ottobre 2021 di Raffaella Ascione
Turris, prima da ex per Caneo contro il Palermo: «Interessante»

Ritrova per la prima volta il Palermo da avversario dopo l’importante esperienza vissuta – in rosanero – da calciatore nella stagione 1981/82. Per Bruno Caneo però, l’attualità legata alla Turris assorbe ogni pensiero. «A Palermo ho vissuto un’importante esperienza personale, a cui sono legati bellissimi ricordi, ma rispetto alla gara di domani voglio soprattutto vedere come si comporterà la Turris al primo impegno casalingo contro una squadra importante e blasonata. Sono curioso di vedere cosa riusciremo a fare».

La Turris è tornata da Bari non solo con quattro reti sul groppone, ma anche – anzi, soprattutto – con importanti consapevolezze. «La gara di Bari – continua Caneo – ha rafforzato la consapevolezza che bisogna proseguire su questa linea, su questa mentalità e con questa voglia di mettersi in gioco, continuando a proporre qualcosa di positivo e ad entusiasmare. In questo momento vorrei divertire chi viene allo stadio. Con una precisazione: noi non attacchiamo e basta, noi difensiamo anche. Non siamo certo degli sprovveduti. Giochiamo sempre con la stessa mentalità, stesso impegno e vivacità».

Sulla reazione “emotiva” dello spogliatoio al ko del San Nicola: «Ho registrato una generale sensazione di disappunto tra i ragazzi, alimentata dalla consapevolezza d’aver offerto una prestazione importante e qualche singolo ha ulteriormente valorizzato il proprio profilo. Diciamo le nostre idee e il modo di tradurle in gioco hanno appiattito la differenza economica fra noi e il Bari».
Anche a Bari è stato registrato un significativo calo ad inizio ripresa, così come già accaduto in precedenti occasioni: «Secondo me è una casualità. Credo anche non succederà più».
Domani la Turris, che è la squadra che ha segnato di più nei primi tempi, affronterà quella che ha invece subito meno, sempre nei primi 45 di gioco: «Sarà un confronto interessante. Tatticamente siamo speculari. Loro una buonissima squadra. Uno contro uno a tutto campo? Forse sì, ma noi avremo degli accorgimenti tattici che possono garantire una copertura diversa e maggiore».

Contro i rosanero rientra Ghislandi. Caneo non le manda a dire: «Ogni quindici giorni ce lo portano via per otto. Praticamente ha fatto più allenamenti con la Nazionale che con noi. Serve un accordo con la Federazione. Ghislandi è per noi una risorsa importante e noi non possiamo giocare con la corsia di destra decimata quando è convocato. Sarebbe opportuno un accordo tra Federazione e Lega, magari per prevedere una sosta in campionato in concomitanza con gli impegni della Nazionale».

Su Esempio e Manzi: «Esempio è una conferma, in Manzi ho intravisto subito aggressività e temperamento, mi piace il suo modo di giocare, ed ora si sta anche disciplinando tecnicamente e tatticamente». Ancora sui singoli, passando a Santaniello: «Mi aspetto che si diverta di più, che faccia come i suoi compagni di reparto. Noi lo aspettiamo, ma la sostituzione non è certo una punizione. Vuol solo dire che ci sono altri compagni che meritano magari di entrare. Insomma, nessuna preclusione, nel senso che se lui dimostra di essere all’altezza, non si tolgono certo dal campo chi sta facendo bene. In generale, comunque, nessuna polemica».

Si aspetta di più anche dal pubblico, mister Caneo. «Spero che i nostri tifosi vengano stimolati. Noi abbiamo bisogno di loro. Mi hanno parlato di gran pubblico, che finora però ho visto solo nelle foto. Spero quidi di trovare uno stadio pieno, che sostenga la squadra e che si diverta».

Quindi il giovane attaccante Fabian Pavone. «Domani si affronteranno due grandi squadre. Noi siamo pronti, vogliamo fare la partita e non ci faremo certo intimorire. È decisamente stimolante per me far parte di questo pubblico, che ha uno degli attacchi più prolifici dell’intera categoria. Davanti a me c’è Giannone, uno degli esterni più forti di tutta la C e da cui ogni giorno, in allenamento, provo ad imparare qualcosa».

Convocati – Contro il Palermo mancherà lo squalificato Di Nunzio; ancora indisponibile Nunziante. Non convocato il solito Lame.
Ventiquattro i calciatori convocati da mister Caneo:
Portieri: Abagnale, Colantuono, Perina.
Difensori: Esempio, Lorenzini, Loreto, Manzi, Varutti, Zanoni.
Centrocampisti: Bordo, Finardi, Franco, Ghislandi, Giofré, Iglio, Palmucci, Tascone.
Attaccanti: D’Oriano, Giannone, Leonetti, Longo, Pavone, Santaniello, Sartore.

Ultimo aggiornamento: 20:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA