Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zanandrea e Aya all'Avellino,
due difensori in più per ​Taurino

Domenica 31 Luglio 2022 di Giovanbattista La Rosa
Zanandrea e Aya all'Avellino, due difensori in più per Taurino

L'opera di ricostruzione in casa Uesse Avellino prosegue. Il diesse, assistito dall'allenatore, aveva un'idea iniziale di squadra dalla quale partire, ma le dinamiche di mercato hanno fatto saltare tutto. Il castello su cui si sono costruite le iniziali certezze del dirigente irpino è crollato. Il diesse non si è perso d'animo ed è ripartito per ricomporre la linea difensiva di cui farà parte Ramzi Aya. Il difensore è pronto a firmare per l'Avellino, il suo arrivo è previsto per la settimana prossima. Il centrale ha vinto la concorrenza di Brosco, che non è apparso convinto del progetto e con cui la società irpina non ha trovato l'intesa. Aya non sarà l'unico volto nuovo ad oltrepassare il cancello del Mercogliano Stadium. Assieme all'ex Salernitana arriverà in ritiro Gianmaria Zanandrea. Il difensore lo scorso anno al Perugia è atteso tra oggi e lunedì. Firmerà un contratto biennale con opzione per il terzo. Zanandrea, cresciuto nel vivaio della Juventus, lo scorso anno ha disputato il torneo di serie B con la maglia del Perugia. Con i grifoni 11 partite ed una rete. L'Avellino lo ha prelevato a titolo definitivo dal Mantova, che lo aveva acquisito dalla Juventus con cui ha giocato il torneo di serie C con l'Under 23. Classe '99 ad Avellino andrà ad occupare il ruolo lasciato da Bove. L'Avellino ha subito trovato una soluzione, ma in questo mese si potrebbe assistere ad ulteriori cambiamenti.

Tra tante incognite di questo periodo una indicazione sembra lampante: se tanti giocatori partono significa che negli ultimi anni la società ha lavorato male e senza idee. I risultati sportivi sono evidenti, così come le strategie di mercato sono state totalmente sbagliate. Ricostruire quasi da zero l'organico condizionerà la preparazione ed il lavoro dell'allenatore, a cui si dovrà dare del tempo per costruire, magari anche di sbagliare, per dare le direttive alla squadra, che avrà bisogno di apprendere le richieste. Il mister può essere soddisfatto della celerità con cui De Vito si è mosso sul mercato, ma manca ancora qualcosa.

Oggi, nella partitella in famiglia che si terrà al Mercogliano Stadium, si potrebbero vedere delle altre indicazioni. Intanto negli ultimi giorni, vuoi per esigenza, vuoi perché l'allenatore non preclude speranze a nessuno, tra i difensori ha preso piede Sbraga. Il centrale si è presentato in grande forma e risponde positivamente alle richieste dell'allenatore. Come è accaduto per Tito, il club avellinese potrebbe compiere un ripensamento e reintegrare l'atleta. A completare la rosa, che vedrà la partenza di Dossena, potrebbe esserci l'arrivo di un altro elemento per il centrodestra. L'altra questione cardine è l'attacco. Il giocatore su cui si sono soffermate le attenzioni di De Vito è Luca Zamparo. La Reggiana e il giocatore stanno dialogando nel tentativo di trovare l'accordo per un rinnovo. L'operazione non appare per nulla semplice, le parti non si possono definire vicine. L'Avellino è alla finestra e segue con attenzione le evoluzioni del giocatore. Oltre ai biancoverdi c'è anche il Padova che sta tentando di comprendere quale sarà il destino dell'attaccante.

Ma l'Avellino guarda anche in casa propria. Murano e Bernardotto sono sotto osservazione. L'ex Perugia è un intoccabile, ma se dovesse arrivare una proposta l'Avellino la prenderebbe in considerazione. Sono da piazzare Dossena ed i giocatori in esubero. Il difensore non ha ricevuto proposte concrete, ma avrebbe il desiderio di avvicinarsi a casa. Per gli altri atleti il mese d'agosto diventa decisivo. E' il periodo dei saldi, quello in cui le società fanno i migliori affari. Avellino proverà a piazzare i giocatori di troppo e dovrebbe concretizzarsi il passaggio di Riccardo Maniero alla Turris. Su Aloi il Pescara non ha perso le speranze. Del resto gli abruzzesi ad inizio settimana avevano fatto capire di voler aspettare. Le società sono aperte alla trattativa ed anche il ragazzo si è deciso a lasciare l'Irpinia. Ormai il ragazzo inviso alla tifoseria e gradirebbe Pescara, società pronta a prenderlo in prestito con diritto di riscatto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA