Sorrento, al Picerno basta un rigore
per conquistare i tre punti

Domenica 9 Maggio 2021
Calcio - Serie D

SORRENTO – Un calcio di rigore che ha sollevato dubbi e perplessità per un presunto fallo di mano in area di Cacace al 38’ del primo tempo e trasformato dal capitano ospite Esposito ha condannato il Sorrento all’ennesima sconfitta casalinga (0-1), caratterizzata da recriminazioni e rimpianti. Il Picerno incassa i tre punti e si avvicina alla capolista Taranto nella corsa alla promozione. La svolta decisiva per il risultato finale del match nella fase finale del primo tempo: Esposito dal limite dell’area, approfitta di un rimpallo favorevole, ma la sua conclusione colpisce il palo. L’azione evolve e l’arbitro Ganci di Enna assegna il calcio di rigore ed ammonisce Cacace, autore del presunto fallo di mano. Proteste inutili dei rossoneri, Esposito trasforma il rigore con un tiro centrale e potente che supera Scarano. La reazione del Sorrento si infrange sul palo del Picerno su un calcio di punizione di Sandomenico. In avvio di ripresa ancora una conclusione di Esposito si infrange sulla traversa con Scarano già battuto (3’). Nella fase centrale della ripresa, al 31’ ci prova Liccardi con una girata al volo alta di poco. Al 38’ ancora Sandomenico in evidenza, che schiaccia di testa a botta sicura, ma il difensore Stasi salva la rete e il risultato in favore del Picerno. Recrimina il Sorrento, ma la sconfitta è ormai archiviata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA