Il Savoia continua a sperare:
aperta la partita ripescaggi

Venerdì 22 Maggio 2020 di Raffaella Ascione
Il Consiglio Direttivo della Lega Dilettanti ha formulato – all’unanimità – le proposte da sottoporre alla ratifica del Consiglio Federale: promosse le prime nove di ogni girone di serie D, retrocesse le ultime quattro. Ma il Savoia può continuare a sperare. Sì, perché tra le richieste poste nero su bianco dal Consiglio, c’è «anche quella relativa ad una graduatoria di merito per gli eventuali ripescaggi laddove si verificasse una carenza di organico, sempre tenendo conto di privilegiare il valore primario del merito sportivo».

Ed a proposito di merito sportivo, sono i numeri che autorizzano i bianchi a sperare. Al momento della brusca interruzione del campionato, gli oplontini hanno infatti maturato una media punti di 2.15, secondi (tolte le nove promosse) solo all’Ostiamare (2.19). Dunque, restano ancora aperte le porte della serie C per il Savoia, a condizione naturalmente che il Comune provveda ai necessari adeguamenti strutturali del Giraud.
«Stando all’attuale graduatoria, saremmo la seconda miglior seconda alle spalle dell’Ostiamare, che però non sarebbe in regola, da quel che ho appreso, dal punto di vista strutturale. Personalmente non ho dubbi: per blasone e  storia, Savoia e Foggia meriterebbero la “chiamata” in terza serie. La nostra società ha lavorato e continua a lavorare tanto per tornare nel calcio che conta: abbiamo tutte le carte in regola per la C. Attendiamo quindi con ottimismo ogni decisione in tal senso». © RIPRODUZIONE RISERVATA