Nocerina, «girone difficile» per Bolzan:
il diesse fa il punto sul calciomercato

Giovedì 17 Settembre 2020 di Giuliano Pisciotta
«Non è affatto un girone semplice, visto che ci sono almeno 7-8 squadre che sono arrivate ai playoff negli ultimi due anni». Riccardo Bolzan, direttore sportivo della Nocerina, commenta così l’inserimento dei molossi nel gruppo G, insieme a formazioni laziali e sarde.

«Negli anni questo girone ha sempre visto emergere una sorpresa. L’Ostia Mare l’anno scorso (quest’anno è nel gruppo F, ndc), il Lanusei l’anno prima e via dicendo. Ci sono tante realtà esperte della categoria, con bacini d’utenza ampi o con lunga tradizione e 3 sole neopromosse».

E poi torna il derby col Savoia, «contraddistinto da un’accesissima rivalità della quale ho sentito parlare già quando ero alla Nocerina da calciatore. E quest’anno gli oplontini penso siano pure tra quelli che partono coi favori del pronostico». Bolzan non ipotizza griglie di partenza, «perché è un girone che dobbiamo imparare a conoscere. Degli altri club conosco gli organici, ma c’è sempre la componente under che “scombina” i piani».

Capitolo Nocerina. L’arrivo di Talamo offre possibilità di variare il sistema di gioco ed è un acquisto di grande valore. «Lo volevamo fortemente già qualche mese fa, poi il ragazzo fece scelte differenti. Appena si è ripresentata l’occasione, abbiamo superato un’ampia concorrenza per ingaggiarlo. È un attaccante che ha caratteristiche diverse da quelli che abbiamo già in gruppo - ha specificato il diesse rossonero -. L’anno scorso ha avuto un buon impatto con la categoria, dopo aver sempre giocato tra i professionisti. Realizzare 9 gol, tutti su azione, in una squadra che faceva anche fatica a far gol è di sicuro un dato importante».

In arrivo, infine, tante altre ufficialità per i calciatori che si allenano ormai da diverse settimane coi rossoneri. «Per tanti atleti di proprietà di club professionistici, bisogna aspettare i tempi burocratici per il tesseramento, ma già nei prossimi giorni si sbloccheranno tante situazioni. In generale, poi saremo vigili sul mercato almeno fino a ottobre. La regola delle rose di 22 elementi in Serie C sta inducendo tanti calciatori esperti a fare differenti valutazioni e in tanti potrebbero diventare più abbordabili in Serie D. Non è il massimo partire in campionato con un gruppo incompleto, ma quest’anno per tante società della nostra categoria sarà così». Ultimo aggiornamento: 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA