Sorrento, due punizioni e due rigori
decidono il pareggio con il Team Altamura

Domenica 28 Marzo 2021 di Antonino Siniscalchi
Calcio Serie D

SORRENTO - Pareggio rocambolesco (2-2), ma meritato per il Sorrento, che riequilibra le sorti della gara al 6’ minuto di recupero, con un calcio di rigore concesso per un fallo su Cassata, entro l’area ospite, trasformato da Cunzi. Risultato deciso da due punizioni in favore degli ospiti e due calci di rigore concessi al Sorrento. Un risultato tutto sommato giusto, anche se la squadra rossonera ha mostrato una sottile involuzione nella manovra collettiva, rispetto alle ultime prestazioni, ma è appena il caso di sottolineare che la formazione guidata da Pino La Scala, in settimana è stata impegnata nel recupero casalingo con il Gravina (1-0), al termine della lunga striscia di cinque gare rinviate tra gennaio e febbraio per l’emergenza Covid. Il Team Altamura, invece, con l’appuntamento di oggi è ripartito con l’attività ufficiale dopo un mese di stop ed ora si prepara, a sua volta, a recuperare ben cinque partite. Nella prima fase della gara, con il Sorrento costretto ad avvicendare Mancino (infortunato) con Cunzi (27’), registrato in campo un sostanziale equilibrio. Gli ospiti sono passati in vantaggio in una fase di maggiore supremazia territoriale del Sorrento, grazie ad un calcio di punizione dal limite trasformato da Spano (38’). Non si è fatta attendere la reazione rossonera ed al 43’ è arrivato il pareggio, con il primo rigore trasformato da Cunzi, concesso per un fallo in area ospite subito da Cacace. Attimi di apprensione nell’ambiente rossonero, per i quattro rigori falliti nelle ultime occasioni dai giocatori del Sorrento, ma Cunzi non si lascia distrarre e pareggia. Nella ripresa, non altrettanto positiva sotto il profilo del gioco, il risultato si orienta in favore del Team Altamura al 19’, per la seconda volta su calcio di punizione. Nell'occasione è Casiello a superare la barriera rossonera e il portiere Scarano. Sterile la reazione del Sorrento, La Scala prova a variare l’assetto tattico, spostando Basile in avanti ed inserisce Cesarano al posto di Camara (28’). La rincorsa rossonera trova, finalmente, sbocchi nella difesa avversaria nei titoli di coda del match. Per un fallo in area su Cassata, nel sesto minuto di recupero, l’arbitro catanese Toro, assegna il rigore al Sorrento e Cunzi concede il bis (51’). Un pareggio importante per la classifica, in attesa della gara di giovedì prossimo a Lavello, prima della sosta pasquale. Il calendario del Sorrento riprenderà l’11 aprile in casa con il Francavilla. Si giocherà anche 14 aprile con i rossoneri impegnati a Bitonto.   

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA