Ajax-Napoli 1-6 nella storia, web
in delirio: «Si giocava a tennis?»

Ajax-Napoli 1-6 nella storia, web in delirio: «Si giocava a tennis?»
di Delia Paciello
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 11:39 - Ultimo agg. 6 Ottobre, 07:33
3 Minuti di Lettura

Stavolta i napoletani sognano e son desti, perché lo spettacolo del Napoli alla Johan Cruijff Arena è reale e supera anche le aspettative più alte con un risultato che potrebbe sembrare più quello di una partita di tennis, che forse nessuno osava neanche immaginare. «Marò, che Napoli!», commentano sul web i tifosi. Una vittoria di misura mai subita prima dall’Ajax in Champions che pare abbia stupito persino Maradona in paradiso, come qualcuno ama rappresentare in uno dei meme più popolari della serata. Eppure gli avversari erano in campo e hanno provato a fare la loro partita, ma dopo il primo gol subito nulla ha potuto fermare la travolgente forza azzurra se non il triplice fischio finale, chiudendo così la gara con ben cinque gol di scarto. «Prima della gara sembravano quasi Mastro Lindo, dopo aver affrontato il Napoli sono a stento uno spruzzino delicato di Ajax», ironizza qualcuno citando note marche di detersivi.

Un risultato che va oltre le più rosee previsioni: in tanti in realtà pronosticavano un pareggio o addirittura una sconfitta, si aspettavano un passo falso dopo i risultati positivi raccolti nelle ultime gare. E invece si sono rivelati troppo pessimisti rispetto alle capacità dei ragazzi di Spalletti, prepotentemente in testa al girone con tre vittorie su tre nella massima competizione europea. «Luciano è un Genio»; «Il mister ci sta dimostrando che è un vero maestro di calcio e se ha una squadra che lo segue può farci volare», sono i pareri espressi sui social, mentre i suoi detrattori sono ufficialmente spariti al momento.

 

Un gioco che ammalia tutto il continente, e non trova giustificazione neanche chi dice che gli avversari erano sottotono: dopo aver battuto Liverpool, Rangers e ora Ajax segnando 13 gol e subendone solo due, e dopo aver mantenuto il primato anche in Serie A, non si può più parlare di fortuna o di caso: è un Napoli che gioca bene con degli interpreti dall’elevato valore tecnico.

«Stasera è una lectio magistralis di calcio», commentano infatti sul web. A partire dal primo gol che nasce da una bellissima azione di squadra, col cross di Olivera messo in rete da Raspadori che si conferma nel suo momento d’oro; fino a quello di Simeone subentrato nel finale con tutta la grinta di chi vuole lasciare un segno, su assist di Ndombelè. E di mezzo Di Lorenzo, Zielinski, Kvara e una doppietta di Jack: cinque marcatori e nessuna critica, tanto che per il popolo azzurro è davvero difficile dire il peggiore in campo. Ma a distinguersi in positivo invece anche Anguissa: stavolta il centrocampista camerunense non è andato in rete - anche se ci ha provato beccando la traversa - ma è stato uno straordinario uomo assist e libero nel campo ha fatto delle giocate importantissime.

E alla fine Elmas ha sfiorato persino il settimo gol, mentre tutti di certo hanno sfiorato il settimo cielo. Ma qualcuno era pronto a twittare: «L’Ajax un tempo fu bestia nera di molte italiane. Quello che sta facendo il Napoli entra di diritto nella storia del calcio italiano».

Una bella ipoteca sul passaggio del turno e un Napoli che finalmente torna a divertirsi in campo, e a far divertire. Perché forse è quello il vero segreto delle vittorie, nella vita e nel calcio. E i tremila in trasferta ad Amsterdam non avranno bisogno di provare cannabis e simili nei coffee shop olandesi: «Il Napoli è la mia droga», scrivono infatti i tifosi estasiati dalla gara, aspettando il prossimo match con la Cremonese. E qualcuno commenta con un particolare romanticismo: «Dei tulipani olandesi n’amm fatt nu’ mazz».

© RIPRODUZIONE RISERVATA