Cagliari-Napoli, il web fa festa:
«Ricomincio da quattro»

Lunedì 4 Gennaio 2021 di Delia Paciello

Il 2021 è iniziato bene per il Napoli, almeno sul campo: un bel poker al Cagliari per dimenticare le sventure del vecchio anno. A metterci la doppia firma è stato Zielinski, seguito poi dal guerriero Lozano che per tutta la sua gara ha fatto mangiare terreno agli avversari sulla fascia destra. E non bastasse, anche uno straordinario colpo di scena: sull’1-3 in casa dei sardi è arrivato addirittura il primo rigore per l’attacco più straripante del campionato, quello che propone più tiri in porta, messo a segno da Insigne. «Incredibile, un grande cambiamento allora in questo nuovo anno: in una sola gara espulsione di un avversario e rigore a favore, proprio come succede a Juve, Milan e Inter quando stanno perdendo. Peccato che noi eravamo già in vantaggio e a fine gara», commentano i tifosi sul web.

«Vado a tatuare la Z di Zielinski domani, e che nessuno si permetta di ricordare un certo Zorro»; «Piotr è un fenomeno»; «L’unico vero centrocampista di spessore che abbiamo», si legge sulla bacheca del polacco, l’uomo più applaudito della giornata. Un giocatore che può fare la differenza, ma pecca di continuità. Gli apprezzamenti tuttavia non risparmiano anche Lozano, che si è fatto valere durante la gara tentando diverse azioni e correndo su tutta la sua corsia. «Grande El Chucky», è il commento comune. Il capitano, autore degli assist per il cileno, è stato colui che ha poi concretizzato il tiro dal dischetto facendo sentire il suo apporto alla squadra: «Lorenzo si avvia a diventare un vero leader», sentenzia il popolo social.

 

Ma in giro fra i post dei tifosi tanti appelli a Gattuso: «Fai entrare Cioffi, mister»; «Vogliamo vedere Cioffi in campo». Il giovane della Primavera ha iniziato l’anno con la sua prima convocazione in prima squadra. Ma per l’esordio dovrà aspettare ancora un po’. Cosa che invece è spettata a Ramhani, al quale Ringhio ha regalato tre minuti di gioco più recupero nella prima gara del 2021: «Almeno vediamo come è fatto», ironizzano in tanti.

Tutto sommato però poche critiche e tanta gioia per i napoletani, perché quando si vince i tifosi dimenticano tutto. Qualcuno chiede scusa a Gattuso: «Dovevamo aspettarlo prima di dargli contro. Non stava bene, ora che l’occhio comincia a star meglio ha potuto trasferire la sua solita grinta ai ragazzi, che hanno giocato da squadra».

 

Neanche le insicurezze di Maksimovic sono risultate degne di nota a fine gara, e anche i più severi sono apparsi ora benevoli pure nei confronti di Osimhen, super attaccato nelle ultime ore per aver contratto il covid dopo aver festeggiato in Nigeria il suo compleanno, danzando senza mascherina. «Speriamo solo torni presto, sarà un’arma in più in stagione», sono i cauti commenti dei tifosi. Probabilmente se il Napoli avesse perso, le colpe sarebbero ricadute anche su di lui, per il danno recato alla squadra con la sua assenza per troppa leggerezza e irresponsabilità.

Buona la prima del 2021: un poker e tre punti in saccoccia fanno certamente bene ai cuori azzurri. Così i napoletani sono pronti a lasciarsi alle spalle il 2020. E sognano, almeno per quanto riguarda il calcio. Ora in campionato Spezia, Udinese, Fiorentina, e poi la Supercoppa con la Juventus. In tanti pensano già a quella gara. Fino ad allora la strada sembra in discesa, specie dopo questo match: nonostante le assenze il Napoli ha dimostrato di vincere con nonchalance con squadre sulla carta abbordabili. O almeno è questa la vera speranza per il nuovo anno. E intanto a Napoli il motto è «ricomincio da quattro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA