«Si vive una volta sola»: l'eurogol
di ADL fra i sorrisi del Napoli

Martedì 18 Febbraio 2020 di Delia Paciello
Colpi di scena, emozioni e vita quotidiana, bei sentimenti e momenti toccanti: è questa la linea guida di De Laurentiis, nel cinema come nel calcio. E ancora una volta il patron azzurro insieme al figlio Luigi ci vede lungo: il nuovo film, Si vive una volta sola, è stato definito un capolavoro da coloro che hanno assistito alla prima al The Space Cinema di Napoli. Non di certo il solito cinepanettone, di cui qualcuno ha persino sentito la mancanza durante le feste natalizie: questa volta una vera e propria sorpresa. «Abbiamo deciso di produrre un film totalmente diverso che fosse pieno di contenuti, profondi e leggeri insieme», ha tenuto a sottolineare il presidente del Napoli.
 
 

Un eurogol cinematografico in un momento in cui la squadra di Aurelio cerca di uscire dal tunnel di risultati poco soddisfacenti, dopo alcuni polveroni che si sono alzati sulla squadra. Ma ora sembra già acqua passata: vittorie sul campo e un gruppo sereno e sorridente quello presente alla proiezione del film. Nessun assente: su tutti divertito Insigne, ma anche il senegalese Koulibaly ha fatto scorgere la sua dentatura bianca nel buio della sala. Tutti attenti e coinvolti dalla trama avvincente. Soddisfatto e a tratti commosso anche Gattuso, presente fra le prime file con la sua solita aria genuina e verace. Una compagine che è sembrata compatta nelle grandi occasioni anche fuori dal terreno di gioco, senza musi e con una ventata di buon umore alla quale ha probabilmente contribuito anche il film in una serata che segue e precede giornate di allenamento.

LEGGI ANCHE Lotta Champions, ADL a Verdone: «Hai visto quanto è forte l'Atalanta?»

Ambientato per gran parte in Puglia, con panorami spettacolari e visioni mozzafiato: «Abbiamo scelto con cura, insieme a Carlo – commenta Luigi De Laurentiis -, i luoghi nei quali girare le scene. La Puglia è una regione meravigliosa che ho scoperto non solo per la mia squadra di calcio, il Bari. Ci è sembrato il posto perfetto per le nostre riprese, anche per motivi logistici: anche la costiera amalfitana offre delle coste spettacolari, ma avremmo bloccato il traffico e sarebbe stato difficoltoso. Ma in realtà il Sud Italia è ricco di posti meravigliosi».

Tanti applausi e standing ovation alla fine del film. La conferma di Verdone con un cast di attori rigorosamente italiani che con la loro sublime interpretazione hanno toccato il cuore degli spettatori, fra tante risate e persino qualche lacrima. «La trama è avvincente, parla della storia di quattro amici medici e giocherelloni che ne dovranno affrontare di tutti i colori. Ma non vogliamo spoilerare troppo, lo scoprirete dal 26 febbraio al cinema», commenta Carlo.

«Un film corale», così lo hanno definito anche Rocco Papaleo, Max tortora e Anna Foglietta che interpretano i tre amici di Verdone. Anna, unica donna fra i quattro protagonisti, non si ritiene però tale: «In realtà noi attori siamo tutti donne, o meglio prime donne. Il mio personaggio, anche se può sembrare a tratti fragile, racchiude invece quello le donne rappresentano: grande forza e insieme fragilità che gli uomini non potranno mai capire. Ma è questo che ci rende così speciali».

Temi importanti su cui riflettere ma con uno sfondo di maestoso scherno, dosato al punto giusto per dare sapore alla vita. E allora sì che tutto assume un profumo profondo di verità che ha invaso l’anima degli spettatori, coinvolgendoli nella trama della storia. Una storia che parla di amicizia, di amore, di lavoro, di valori. Tutta da scoprire. © RIPRODUZIONE RISERVATA