Napoli, Gattuso chiama Ancelotti:
«Nessun attacco, rispetto il lavoro»

Martedì 14 Gennaio 2020
Il Napoli torna alla vittoria con il Perugia in Coppa Italia e saluta l'esordio dell'ultimo acquisto Diego Demme. «Abbiamo fatto una buona partita soprattutto nel primo tempo. Abbiamo tanti giocatori fuori, chi sta giocando sta dando il massimo. Ma non basta, dobbiamo crescere», ha detto Gennaro Gattuso ai microfoni Rai. «Lozano ha bisogno di continuità, Elmas ha fatto bene a tratti, ma alcune volte abbiamo sbagliato troppo».

LEGGI ANCHE Insigne rialza la testa: «Oggi un nuovo punto di partenza»

L'allenatore azzurro ha voluto chiarire le sue parole sul lavoro di Ancelotti dopo la sconfitta con la Lazio. «Carlo per me è stato un padre, ho sentito tante voci negli ultimi giorni, ma le mie parole non erano rivolte al suo lavoro. Abbiamo cambiato metodologie di lavoro, non ho offeso nessuno», ha continuato. «Ci sta che in questo momento non riusciamo ad essere continui nel corso di una partita perché stiamo facendo un lavoro diverso. Ci metto la faccia? No, è questione di rispetto per tutti, non dobbiamo strumentalizzare le parole».
 
 

Il nuovo volto è quello di Demme. «Diego è un palleggiatore, oggi ha scalato troppo in avanti e deve lavorare su questo, ma ci sta, ha fatto due allenamenti con noi. Se lo metteremo in condizione ci potrà dare tanto. Dal mercato non aspetto nulla, speriamo di chiudere Lobotka. Dobbiamo lavorare e migliorare per poter crescere. Mi aspetto di crescere fisicamente per sabato, con l’Inter e con la Lazio ci siamo messi in difficoltà da soli». Sugli infortunati. «Con Mertens parlerò domani, ma spero di averlo la prossima settimana. Koulibaly? Dovrà stare bene per andare in campo, non vogliamo rischiare» © RIPRODUZIONE RISERVATA