Gattuso porta il Napoli a cena:
Milik saluta i compagni a Posillipo

Venerdì 18 Settembre 2020 di Bruno Majorano
Ultimo appuntamento mondano prima della ripresa della stagione, ma guai a dire che quella di ieri sera è stata una festa. Niente di tutto ciò, anzi. L'appuntamento è stato dato a Posillipo, da Riserva Rooftop, ovvero la stessa location con vista sul mare dove a giugno la squadra aveva festeggiato la vittoria della coppa Italia e che oramai è il punto di riferimento degli azzurri anche per le loro serate di svago con le famiglie. E a volere fortemente questa cena è stato Gennaro Gattuso. L'allenatore ha organizzato la serata a base di carne per inaugurare la stagione che partirà domenica alle 12.30 al Tardini di Parma. Pochi dubbi da parte di Gattuso che al primo posto vuole la coesione di tutto il gruppo. La cena di ieri - rigorosamente senza musica, perché la mission non era quella di fare festa, bensì quella di stare insieme - ha avuto come piatto forte il futuro. Da questo punto di vista Gattuso è stato chiaro: tornare in Champions è l'obiettivo principale e ogni sforzo da parte del gruppo dovrà essere indirizzato verso quella direzione.

Tra i primi ad arrivare i due nuovi acquisti Victor Osimhen e Andrea Petagna. L'attaccante nigeriano è stato subito riconosciuto anche da alcuni tifosi che hanno fermato il traffico di Posillipo per strappare un selfie al nuovo bomber del Napoli. Poi a ruota sono arrivati tutti gli altri - senza mogli o fidanzate - da Fabian Ruiz a Luperto, dal capitano Insigne all'allenatore Gattuso che è stato il vero e proprio mattatore della serata confermando di essere il leader assoluto della squadra e di saper toccare sempre le corde giuste dei suoi ragazzi. Ha parlato alla squadra, ha fatto gli auguri per la prossima stagione e ha chiesto a tutti il massimo impegno. Tra i presenti anche Arek Milik che ha colto l'occasione per salutare i compagni (oramai ex) prima di diventare a tutti gli effetti un giocatore della Roma. E visto che si trattava di una serata di squadra, Gattuso ha voluto anche i ragazzi della Primavera che si sono uniti a quelli della prima squadra per fare gruppo e sentirsi anche loro parte della grande famiglia Napoli. © RIPRODUZIONE RISERVATA