Juric avverte il Napoli:
«Genoa più cattivo e aggressivo»

Martedì 20 Settembre 2016
«Aumentare l'aggressività a livello stratosferico e avere maggiore cattiveria nelle situazioni decisive». Ivan Juric alla vigilia della sfida con il Napoli capolista ha già la ricetta pronta, anche se è consapevole che non sarà facile. Di certo il suo Genoa si è già lasciato alle spalle la prima sconfitta stagionale subita con il Sassuolo, «una gara che per 60' abbiamo stradominata, probabilmente una delle migliori disputate quest'anno» ed è concentrato al meglio per affrontare gli uomini di Maurizio Sarri, allenatore che Juric paragona a Guardiola. «Il Napoli mi ha sorpreso in positivo - ha spiegato Juric - è uno dei top club in Europa e una delle squadre più belle da vedere assieme a quelle di Guardiola. Giocano un calcio fantastico, sono bravissimi a ripartire così come in fase difensiva e non hanno punti deboli. Ma noi giocheremo con la nostra solita mentalità e dovremo fare come nelle altre gare. Semplicemente dovremo giocare da Genoa».

Squalificato Veloso, Juric confessa di avere ancora qualche dubbio di formazione. «L'assenza di Veloso peserà molto ma in mezzo giocherà Ntcham - ha detto -. Però non ho ancora deciso tutto, ci sono due opzioni sulle quali sto lavorando ma non credo farò turn over adesso perché questo è il momento di dare stabilità». Di fronte il Genova avrà il Napoli che ha in Milik l'erede di Higuain anche se per Juric il vero pericolo ha un altro nome. «Il giocatore chiave del Napoli per me è Callejon. Come si muove lui in campo non c'è nessuno in Europa. Fa continui tagli e è difficilissimo da marcare. È Callejon quello che mi preoccupa di più».
Ultimo aggiornamento: 21:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA