Leicester-Napoli, pareggio di carattere:
«Chi diceva che Osimhen era scarso?»

Venerdì 17 Settembre 2021 di Delia Paciello
Leicester-Napoli, pareggio di carattere: «Chi diceva che Osimhen era scarso?»

Un pareggio per il Napoli in Europa League, ma anche due gol fuoricasa segnati al Leicester, una delle favorite della competizione. Per molti questa è considerata quasi una finale, perché proprio le foxes e gli azzurri sembrano al momento i più accreditati per il titolo. «Questo Napoli è fortissimo», sono i commenti carichi di entusiasmo che arrivano dal web. 

In effetti un risultato niente male visto l’avvio di gara. Il doppio vantaggio dei padroni di casa arrivato mentre i nostri stavano realizzando una miriade di palle gol avrebbe spento ogni speranza di una qualsiasi formazione senza carattere, e anche nel vecchio Napoli. 

 

Ora invece è tutta un’altra storia: i ragazzi di Spalletti hanno dimostrato di avere una gran testa tanto da non mollare e sfiorare addirittura la vittoria in rimonta. «Questo è il mio Napoli»; «Continuate così», sono le voci piene di carica. Mentre c’è anche chi fa un inevitabile confronto col passato: «Sul 2-0 abbiamo “annusato il pericolo”, “mangiato l’erba”, “sputato il veleno”. E doveva andarsene per renderlo possibile»; «“Con Veleno” stasera prendevamo almeno 4 palloni, tornavamo a casa con 10 cadaveri e ci sentivamo pure dire “Eh, ma potevamo prenderne 5”»; «Saranno arrivati regali a casa di Gattuso», si legge sui social. 

E mentre Spalletti si prende gli applausi anche per i cambi ancora una volta azzeccati e per quella mentalità sulla quale aveva già annunciato di voler lavorare perché fondamentale per la crescita del gruppo, c’è anche Osimhen che è ormai diventato il vero beniamino di Napoli: «Per De Laurentiis è il mio Tesssssoro»; «Qualcuno diceva che Victor aveva i piedi storti? Spariti tutti»; «Questo diventerà il più forte del mondo». E anzi ora guai a chi lo tocca. 

 

Così come per Ounas, asso nella manica di Luciano, che si prende le ovazioni social: «Presidente, rinnova subito a vita». Come cambiano le cose nei momenti di luce, ma la cosa più importante vista nelle ultime gare è la reazione del gruppo anche quando si passa in svantaggio, la voglia di crederci e di lottare fino all’ultimo minuto. In fondo i napoletani vogliono vedere questo, maglia sudata e passione al di là del risultato. Perché per molti il modo di reagire davanti alle difficoltà è fondamentale in una stagione ancora così lunga.

E allora testa a Udinese-Napoli, prossima giornata di campionato da primi in classifica con una lunga serie di risultati positivi, imbattuti da ventitré partite consecutive. E gara dopo gara non mancheranno di certo le emozioni. «Secondo me stavolta è davvero l’anno buono», si sbilanciano i meno scaramantici.

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 09:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA