Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli e Bari, vince De Laurentiis:
l'obbligo di cessione scala al 2028

Giovedì 28 Luglio 2022
Napoli e Bari, vince De Laurentiis: l'obbligo di cessione scala al 2028

Una buona notizia per la famiglia De Laurentiis: l'obbligo di cessione di un club in caso di multiproprietà scala dalla stagione 2023/24 a quella 2028/29. Un cambio normativo della Figc che aiuta il patron di Napoli e Bari, mai arreso alle scelte federali dei mesi scorsi, a margine della riunione del consiglio federale che ha modificato la norma transitoria dell’articolo 16-bis delle Noifprorogando la scadenza per il divieto delle multiproprietà (anche per società non partecipanti allo stesso campionato) all’inizio della stagione 2028/2029. 

 

«La modifica approvata dal consiglio federale della Figc in materia di multiproprietà è un atto di buon senso e una scelta che danno respiro a chi in questi anni ha creduto nel rilancio del calcio investendo ingenti risorse economiche» le parole di Aurelio De Laurentiis «Siamo soddisfatti e contenti di questa modifica e desideriamo ringraziare tutto il consiglio federale, ed in particolare il presidente della Federazione Gabriele Gravina, per l’impegno e la volontà manifestate in questa occasione. Abbiamo già comunicato alla Federazione che rinunceremo al ricorso presentato nei giorni scorsi al collegio di garanzia dello sport e ad ogni altra azione anche di natura risarcitoria, perché riteniamo sia arrivato il momento di aprire una pagina nuova per il calcio italiano fondata sulla fattività e sullo spirito di collaborazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA