Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli-Espanyol 0-0:
tanto nervosismo ma nessun gol

Sabato 6 Agosto 2022 di Gennaro Arpaia
Napoli-Espanyol 0-0: tanto nervosismo ma nessun gol

E menomale che è ancora calcio d’estate. Perché anche contro l’Espanyol il Napoli di Luciano Spalletti proprio non convince. Gli azzurri - anzi, neri, visto il colore della nuova terza maglia svelata ai tifosi questa mattina - scendono in campo non con la formazione ideale per le idee di Spalletti, ma non può essere questa l’unica motivazione di un primo tempo sotto tono.

Anguissa prova a tenere la mediana, si sente l’assenza di qualità con Fabian assente e Zielinski in panchina; si gioca a calci più che a calcio - lo sanno bene Lobotka e Lozano -, gli azzurri vengono tartassati dai modi di fare duri degli spagnoli ma non riescono ad aggirare l’avversario.

La rabbia assale anche Aurelio De Laurentiis, che per la prima volta vede i suoi da vicino quest’anno: all’ennesimo fallo non fischiato, il patron esplode contro l’arbitro chiedendo anche più del giallo. In un paio di occasioni si sfiora la rissa, ma è l’unica scossa degna di nota.

Osimhen - occasione ghiottissima alla mezz’ora sprecata - e Lozano i più pericolosi della prima frazione di gioco, il Chucky è l’unico che sembra poter dare qualcosa in più e Spalletti lo lascia in campo anche dopo la girandola di cambi. Prima del finale, però, è l’Espanyol a rischiare il vantaggio con Koleosho ma Contini - che ha sostituito Meret pur essendo promesso alla Sampdoria - evita il peggio.

Spalletti richiama tutti: gli avversari che si lamentano della direzione arbitrale e pure i suoi, da Lobotka a Kvaratskhelia, fino ai nuovi entrati. Stavolta non c’è neppure il forcing finale: 0-0 con vista sul campionato, tra meno di dieci giorni. 

 

Napoli (4-3-3)

Meret (1’ st Contini); Di Lorenzo (23’ st Zanoli), Rrahmani (1’ st Ostigard), Kim Min-Jae (23’ st Juan Jesus), Mario Rui (1’ st Olivera); Anguissa (23’ st Gaetano), Lobotka (1’ st Demme), Elmas (1’ st Zielinski); Lozano, Osimhen (23’ st Petagna), Kvaratskhelia (23’ st Zerbin).

In panchina: Marfella, Costanzo. All. Spalletti. 

Espanyol (4-3-3)

Lecomte; Cabrera, Calero, Moll (10’ st Bare), Souza; Olivan Herrero, Mato Sanmartin, Nico (10’ st Koleosho); Sergi Gomez (27’ st Simo), El Hilali (27’ st Oscar Gil), Saez.

In panchina: Pons, Fortuno Vinas, Ragano, Pages, Villahermosa, Touaizi, Fernandez. All. Martinez. 

Arbitro: Scatena di Avezzano. 

Note: ammoniti Osimhen, Sergi Gomez, Souza, Cabrera, Olivan Herrero, Juan Jesus e Demme. 

Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 09:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA