Napoli, ritorno di fiamma su Zaza:
perché adesso l’affare è possibile

Giovedì 3 Novembre 2016 di Roberto Ventre
Un lungo elenco di nomi: trattative reali, presunte, voci, indiscrezioni, suggestioni. Dal giorno dell’addio di Higuain si è scatenata la caccia al nome, tante situazioni date per fatte e che non si sono rivelate tali. La realtà è che il Napoli ha investito su Milik con una cifra consistente (32 milioni) ma purtroppo il polacco dopo un buon avvio si è fatto male a inizio ottobre e il club azzurro non ha mai pensato di puntare sugli svincolati per espresso volere di Sarri (l’ipotesi Adebayor, ex del Tottenham, non è stata presa in considerazione dal tecnico, come quella di Klose). L’unico attaccante rimasto è Gabbiadini, che ha già raggiunto un’intesa di massima per rinnovare per altri due anni e che il club intende trattenere, come già ha fatto in estate resistendo a varie offerte. Ma è chiaro che tutte le situazioni di mercato sono modificabili da un momento all’altro.

In questo momento l’obiettivo più concreto da poter raggiungere è Zaza, l’ex attaccante juventino passato al West Ham che non sta brillando in questi primi due mesi in Premier League ed è rimasto finora all’asciutto. In caso di decima presenza (finora ne ha messe insieme nove) scatterebbe il riscatto automatico del cartellino dalla Juve per 20 milioni e quindi si dovrebbe trattare esclusivamente con il club inglese. La trattativa potrebbe decollare su cifre ragionevoli e con l’ok da parte di Sarri che già diede in estate il suo assenso alla fattibilità dell’operazione. Anche per Zaza un ritorno in Italia (a lui è interessato il Milan) potrebbe essere importante per il rilancio personale e in chiave Italia, visto che Ventura nella nuova Nazionale non lo ha mai chiamato.

I nomi in cima alla lista dei desideri restano quelli di Pavoletti e di Kalinic ma i bomber di Genoa e Fiorentina sono considerati incedibili dalle rispettive società. Il ds Giuntoli è già da tempo in pressing ma finora non ha trovato margini per trattare. Jakson Martinez, il colombiano che gioca in Cina nel Guangzhou Evergrande, è una pista irrealizzabile per la complessità economica dell’operazione e perché andrebbero valutate con attenzione le sue condizioni attuali. Ighalo, il nigeriano del Watford, non rientra tra i profili che interessano al club, come Paloschi, che nell’Atalanta non sta giocando e a gennaio potrebbe cambiare squadra. © RIPRODUZIONE RISERVATA