Icardi vuole restare all'Inter,
il Napoli avanti tutta su Llorente

Mercoledì 21 Agosto 2019 di Roberto Ventre
Icardi non molla di un centimetro e resta fermo sulle sue posizioni: o la Juve o niente. Maurito non prende in considerazione altre offerte e se non si concretizzasse il suo passaggio in bianconero la sua volontà è di restare in nerazzurro. Ieri sul suo profilo Instagram il centravanti argentino ha mostrato foto e video dei lavori della sua nuova casa nel quartiere Isola di Milano in cui Maurito appare con il casco da operaio: un altro segnale della sua volontà di restare a Milano, postato sui social da lui a dalla sua moglie agente Wanda Nara.
 
Prosegue così il braccio di ferro con il club nerazzurro che va avanti già da tempo: l'argentino non rientra nei piani societari e del tecnico Conte ma non vuole saperne di andare via anche se non è stato mai impiegato nelle amichevoli precampionato. In questo senso si affievoliscono le speranze del Napoli, anche se il mercato dura ancora dodici giorni e potrebbero esserci nuovi colpi di scena se Icardi dovesse decidere di cambiare idea per non correre il rischio di restare fermo (ha ancora due anni di contratto con l'Inter). La Juve prima di poter pensare all'affondo su Maurito deve vendere qualcuno tra Higuain, Dybala e Mandzukic, altrimenti si ritroverebbe con degli esuberi in attacco, e in Italia l'unica squadra che può permettersi un investimento del genere (offerta da 60 milioni all'Inter e contratto di 7 milioni all'attaccante) è proprio il Napoli che resta ancora vigile. Da escludere piste estere dopo il rifiuto di Icardi alla possibilità Monaco, trattativa che l'Inter avrebbe concluso molto volentieri viste le cifre (65 milioni) e la possibilità di non rafforzare così una diretta concorrente.

Con la pista Icardi che non si sblocca sono così in rialzo le quotazioni Llorente (che piace anche al Manchester United): il centravanti spagnolo, svincolato dal Tottenham, può essere lui l'alternativa a Milik (al momento c'è Mertens) che intanto prosegue il lavoro differenziato in palestra dopo il risentimento muscolare avvertito nel riscaldamento della seconda partita negli Stati Uniti contro il Barcellona ed è ancora in dubbio per Firenze. S'intensificheranno i contatti con i suoi agenti per verificare i margini dell'intesa sull'ingaggio, domani un nuovo incontro per fare il punto della situazione: si parla comunque di cifre importanti (richiesta d'ingaggio intorno ai 4 milioni all'anno) e di un contratto di due-tre anni. Il direttore sportivo Giuntoli proseguirà nel pressing e poi verranno fatte le valutazioni del club sulla chiusura di questa trattativa.

Sempre più lontano invece James Rodriguez dopo che il Napoli ha puntato dritto su Lozano e visto che il Real Madrid non ha aperto alla soluzione del prestito con diritto di riscatto. Il colombiano è stato convocato da Zidane per la sfida di esordio in Liga contro il Celta Vigo ed è andato in panchina visti i tanti infortunati in quest'avvio di stagione. A Napoli resterà Verdi a meno che non muteranno gli scenari su James da qui alla fine del mercato: l'ex esterno del Bologna nel 4-2-3-1 rappresenta l'alternativa a Fabian Ruiz nel ruolo di trequartista e ha disputato un buon precampionato.

Le ultime due uscite certe saranno quelle di Ounas e Tonelli, l'attaccante algerino che ha vinto la coppa d'Africa andrà via in prestito al Lilla, stessa formula per il difensore in direzione Fiorentina. Non si sblocca la cessione di Hysaj: la Roma ha preso Zappacosta ed è fuori dalla corsa nella quale difficilmente entrerà la Juve. Il terzino albanese potrebbe quindi restare se non dovessero offerte ritenute adeguate dal club azzurro che lo valuta venti milioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA