Il nuovo Milan tenta Mario Rui,
il Napoli punta tutto su Fares

Martedì 18 Giugno 2019 di Bruno Majorano
De Laurentiis è stato chiaro: «Prima le uscite», ed è anche in questa chiave che nella giornata di ieri l'agente di Mario Rui (Mario Giuffedi) ha fatto visita a Casa Milan. Il terzino portoghese del Napoli è dichiaratamente in uscita, e all'interno di una chiacchiera che aveva come piatto principale Veretout, il contorno è stato anche il terzino azzurro. Un incontro introduttivo durato quasi due ore, per capire che margini ci sarebbero per portare a termine l'operazione. «Veretout? Abbiamo parlato in generale. Operazione possibile? Non lo so: non abbiamo parlato nello specifico di giocatori», ha dichiarato Mario Giuffredi all'uscita dagli uffici del club rossonero. Poi ancora, «Mario Rui? Vediamo. Il dialogo con Maldini è ottimo come sempre». Messaggi chiari, non troppo cifrati, ma ora bisognerà mettere su le due trattative. Due, appunto, perché le operazioni possono anche essere separate l'una dall'altra. Innanzitutto perché anche il Milan ha necessità di vendere prima di comprare. Soprattutto a sinistra, dove c'è un sovraffollamento di uomini tra Strinic, Rodriguez e Laxalt. Ecco perché il club rossonero attualmente non è disposto a offrire più di 9 milioni di euro, mentre il Napoli ne chiede circa 15. Situazione diversa per Veretout (che pure piaceva al Napoli), visto che in mezzo al campo il Milan è decisamente più sguarnito e il regista francese può diventare una priorità del mercato.
 
Se Mario Rui dovesse lasciare Napoli (per il Milan, così come per un'altra destinazione), il club azzurro ha già pronta l'alternativa da andare a prendere. Si tratta di Mohamed Fares, esterno algerino di 23 anni che è stato messo nel mirino già da qualche mese. Giuntoli ne ha parlato nei giorni scorsi con Mino Raiola (agente del giocatore) incassando anche la disponibilità al trasferimento. Per Fares, infatti, si tratterebbe di un grosso salto: dalla Spal al Napoli, dalla lotta per la salvezza alla Champions. Ecco perché sia lui - attualmente è in nazionale con Ounas - che il suo agente non hanno dubbi. Più difficile, poi, la trattativa con la Spal, visto che il club emiliano chiede 15 milioni di euro, mentre il Napoli non vorrebbe spenderne più di 10. Un'operazione simile dal punto di vista economico, a quella che ha portato in azzurro di Di Lorenzo e che avrebbe un suo senso dopo l'uscita di Mario Rui. Fares, infatti, sarebbe il sostituto naturale di Ghoulam (algerino anche lui), compagno dal quale imparare tanto sopratutto per quel che riguarda la fase difensiva, attualmente il vero punto debole dell'esterno della Spal.

Nel viavai degli esterni, però, c'è una certezza solida che è quella di Lorenzo Insigne. Il capitano del Napoli, fresco di gol e prestazioni super con la maglia dell'Italia, si è concesso una vacanza negli Stati Uniti. La mancanza di casa, però, si è fatta sentire e anche a New York non ha resistito alla voglia di pizza. Ecco il perché del suo blitz alla Ribalta, pizzeria napoletana di Rosario Procino che a New York è anche il covo del tifo azzurro nella Grande Mela. Durante la cena non si è lasciato scappare alcuna indiscrezione circa il suo futuro, ma ha solo dato a tutti appuntamento per la tournée che il Napoli disputerà negli Usa ad agosto: un modo sottile per confermare la sua presenza in quel periodo. © RIPRODUZIONE RISERVATA