Il Napoli accelera su Manolas:
la Roma vuole Mertens in cambio

Lunedì 24 Giugno 2019 di Pino Taormina
C'è una buona notizia per il Napoli nell'operazione-Manolas. La Roma ha fatto un passettino indietro sulla cifra per il difensore greco. Ma attenzione: perché se Mertens non rinnova, è assai improbabile che il Napoli lo faccia andar via il prossimo anno a parametro zero. Non è dunque da escludere che la Roma, dopo aver risolto (magari proprio con la liquidità che arriva dalla cessione di Manolas) i suoi problemi di Fair Play finanziario, possa avanzare la sua offerta per il belga. Tornando a Manolas, il Napoli ha capito che non c'è nessuno disposto a spendere i 36 milioni della clausola. E dunque sta andando alla trattativa (quasi) a oltranza con Baldissoni nel tentativo di chiudere l'operazione a una cifra più bassa. Se Manolas, ha ribadito il suo sì al Napoli, con la Roma c'è ancora una certa distanza. Occhio all'Atalanta: il presidente Percassi attende una controfferta per Zapata. L'attaccante, ora alle prese con la Coppa America, è stato contattato dagli emissari azzurri e ha dato la sua disponibilità. Ma non c'è intesa né sull'ingaggio né sul prezzo del cartellino. Ma Zapata strizza l'occhio al suo ritorno a Napoli.
 
Raiola tiene in caldo, molto in caldo, la pista che porta Lorenzo Insigne a Madrid: ovviamente, visti i buoni rapporti con De Laurentiis, non tornerà a chiedere un incontro al patron azzurro se l'Atletico non porterà almeno a 65 milioni la sua offerta per il cartellino. Dunque Raiola sa bene che Insigne strizza l'occhio a una avventura lontano da Napoli. I colchoneros lo tentano, magari a Insigne piacerebbe il prolungamento di un'altra stagione per essere spronato a restare. Ma il presidente De Laurentiis non vuole fare questo passo né lo ritiene necessario, visto che il rinnovo è di due anni fa e che nell'ultima stagione non ha certo brillato con la maglia azzurra. Il bello è che senza la partenza di Insigne di certo non potrebbe andare in porto un'altra trattativa che è nel cuore (e nelle tasche, soprattutto) di Raiola: ovvero Lozano. Prima scelta di Ancelotti, ma il Psv non lo molla facilmente. L'impressione è che sia proprio Raiola a tenere tutto in stand by.

Mendes ha aperto la strada a James Rodriguez, facendo anche leva sulla volontà del giocatore che, ricordiamolo. è in chiara rottura con il Real Madrid che per due anni lo ha scaricato al Bayern Monaco. De Laurentiis è pronto per l'ingresso in scena con la proposta finale. Il colombiano vuol tornare ad essere un leader ad alto livello. E il Napoli, con Ancelotti, ricambia questa sua aspirazione. Non ci sono soluzioni alternative: d'altronde, questa di James è una pista che il Napoli batte da questo inverno, da quando Mendes ha ipotizzato il prestito. Ovvio, che sarebbe una soluzione inedita ma è la strada che gli azzurri intendono seguire.

Oggi Veretout chiederà al suo procuratore, Giuffredi, di attende ancora qualche giorno il Napoli. Ma l'agente è ormai scettico, perché Giuntoli gli ha lasciato capire che senza una cessione a centrocampo, non ci sarà il via libera all'ingaggio da parte di De Laurentiis. Veretout era stato bloccato quando gli azzurri si erano resi conto della volontà di Allan di andare al Psg. Ma il brasiliano non aveva fatto i conti sulle leggi del mercato: quello che è possibile oggi, non è detto che lo sia domani. E se è vero che a gennaio per Allan era pronto un contratto da 8 milioni di euro, al momento nessuno si è fatto vivo con lui. Ecco, quindi, che Milan e Roma possono andare alla carica di Veretout. Intanto Giuffredi in settimana volerà a Madrid per definire la cessione di Hysaj (se il ds Berta arriva a 23 milioni, il Napoli dirà sì) e prepara l'incontro con il Milan per Mario Rui. © RIPRODUZIONE RISERVATA