Napoli, Elmas mossa a sorpresa:
pronto per una maglia da titolare

Giovedì 12 Settembre 2019 di Roberto Ventre
Carico e sorridente, così Elmas ieri a Castel Volturno alla ripresa degli allenamenti con il Napoli. Sta bene e ha voglia, anche se è reduce da due partite giocate con la nazionale macedone e Ancelotti dovrà tenere conto delle sue energie spese nei match di qualificazioni europee contro Israele e Lettonia. Ma è una carta che il tecnico potrà giocarsi tra il match di campionato contro la Sampdoria e quello di Champions League con il Liverpool, due sfide che gli azzurri disputeranno consecutivamente al San Paolo in tre giorni.
 
Passata subito la grande paura per la botta alla caviglia presa lo scorso fine settimana in allenamento con la sua nazionale: il ct macedone Angelovski lo ha poi schierato regolarmente nel match vinto lunedì contro la Lettonia che tiene in piena corsa la Macedonia per un posto agli Europei. Un Elmas inedito quello visto in Nazionale che ha giocato nella prima occasione da seconda punta e nella seconda da esterno sinistro a ridosso dell'unico attaccante Trickvoski: due prestazioni positive anche in posizione più avanzata, rispetto al ruolo di centrale di centrocampo ricoperto nel Napoli. Elmas sì è confermato un ottimo acquisto per gli azzurri evidenziando ancora una volta la sua straordinaria duttilità, un vero e proprio jolly a disposizione di Ancelotti.

La sua presenza garantisce equilibrio al centrocampo del Napoli: il primo segnale contro la Fiorentina quando venne schierato negli ultimi venti minuti al posto di Allan, la conferma contro la Juventus quando è stato nuovamente inserito da Ancelotti per il finale di partita al posto del mediano brasiliano. Tra tutti i centrocampisti è quello che riesce più di tutti a garantire la stessa efficacia sia nella fase di costruzione della manovra che in quella d'interdizione: un centrale completo e che riesce a fare tutto con grande rapidità, l'ideale quindi per il tipo di calcio che Ancelotti intende proporre con il Napoli.

Un altro marchio di Elmas è rappresentato dalle qualità delle sue giocate, a soli vent'anni (li compirà il 24 settembre) mostra già grande personalità e non ha timori a provare in velocità anche il passaggio più complicato. Uno dei giovani più interessanti nel suo ruolo in campo europeo, il direttore sportivo azzurro Giuntoli è riuscito ad anticipare la concorrenza piazzando un grande colpo quest'estate e assicurandosi così il gioiello del Fenerbahce per 16 milioni più bonus.

Un ragazzo dalla faccia pulita e con grinta da vendere: in campo non molla mai ed entra sempre deciso. Grande determinazione e la voglia di giocarsi al meglio questa grande opportunità con il Napoli: il percorso è appena cominciato ma in mese è già entrato in perfetta sintonia con il nuovo ambiente. Ottimo l'impatto nella sua prima partita in maglia azzurra giocata dal primo minuto, l'amichevole di Marsiglia, match vinto 1-0 dagli azzurri (gol di Mertens) in cui fu uno dei migliori in assoluto. Un giovane già pronto e che rappresenta un investimento importante in chiave futura visto che ha firmato per cinque anni con il Napoli.

Sabato sera vivrà l'effetto San Paolo per la prima di campionato degli azzurri contro la Sampdoria, emozione ancora più forte martedì prossimo per la sfida di Champions contro i reds. Ancelotti gli darà quasi certamente una chance dal primo minuto anche perché Allan rientra solo oggi dopo il doppio impegno con il Brasile negli Stati Uniti. Elmas è partito forte ed ora è più che in rampa di lancio. Ultimo aggiornamento: 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA