Napoli, esplode la rabbia dei tifosi:
«Giocatori mercenari siete voi»

Giovedì 7 Novembre 2019
Sono circa cento gli esponenti delle curve che si sono fatti trovare alle 14,30 all’esterno dello stadio San Paolo per accogliere i giocatori del Napoli in vista dell’allenamento a porte aperte (per i soli abbonati) della squadra.

LEGGI ANCHE Caos Napoli, l'ammutinamento deciso prima del Salisburgo. Ecco la banda dei cinque che ha rotto il fronte

Uno striscione con scritto “Rispetto” e poi cori “Meritiamo di più” e “giocatori mercenari”, questi i messaggi da parte dei tifosi che evidentemente non hanno apprezzato l’ammutinamento da parte dei giocatori azzurri martedì sera dopo il pareggio contro il Salisburgo.

 

Cori «Solo la maglia» e «Mettete in campo la primavera», fumogeni e bombe carta. Proteste anche contro il presidente De Laurentiis a cominciare dal classico «Stai vincendo solo tu» che è ormai un refrain al San Paolo da anni. L'atmosfera è tesissima e il folto gruppo di ultras ha protestato davanti alla rampa di accesso ma ora si sta spostando lungo il perimetro dello stadio, sorvegliato da un'imponente schieramento di forze dell'ordine. Intanto i calciatori del Napoli sono arrivati ognuno a bordo della propria auto o con dei taxi, entrando direttamente nello stadio senza fermarsi. 

LEGGI ANCHE Fico: «Basta personalismi, il Napoli deve ritrovare l'unità»
 
 

All'interno dello stadio, all'inizio dell'allenamento, i calciatori sono stati accolti dai fischi. Poi qualcuno ha iniziato ad applaudire. Ma l’umore generale - non ci sono più di 600 persone - è negativo. Più o meno tutti contro i giocatori, considerati dei bambini viziati. I fischi più pesanti sono rivolti a Insigne ma la contestazione non risparmia Mertens e Callejon: per ogni tocco di palla parte un coro di «Vai via, vai via».
 
 
 
Ultimo aggiornamento: 8 Novembre, 07:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA