Napoli, è Veretout il primo rinforzo:
accordo totale con il regista viola

Martedì 30 Aprile 2019 di Pino Taormina
De Laurentiis e Giuntoli attendono il semaforo verde della Fiorentina per Jordan Veretout: nel casting per il nuovo centrocampo azzurro, c'è già il nome del primo vincitore ed è quello del francese che gioca con la maglia viola da due stagioni. C'è l'intesa con il calciatore (5 anni a 1,9 milioni a stagione) e il Napoli è a un passo anche dall'accordo economico con Della Valle per la cessione a titolo definitivo del centrale. Nell'operazione, al momento, si esclude l'inserimento di Diawara, che pure è nella lista degli esuberi, ma che per cui Montella, il tecnico dei viola, non pare fare salti di gioia.
 
Nella strategia del club azzurro, comunque, ci sono tanti altri obiettivi ambiziosi. L'idea è di cambiare un bel po' di volti, soprattutto se gli spasimanti parigini di Allan riusciranno a trovare gli argomenti per concludere il grande trasferimento a quota 70-80 milioni. Il Napoli sa bene che gli emissari del Psg hanno una intesa con il brasiliano valida anche per l'estate (4 anni a 7,5 milioni) e sarà difficile resistere nei prossimi mesi a un nuovo assalto. Il sacrificio del brasiliano stavolta va messo nel conto ed è la ragione per cui il ds Giuntoli ha virtualmente chiuso per Veretout. A parte il francese della Fiorentina è significativo che gli uomini-mercato di De Laurentiis si stiano dando da fare su più fronti. Senza dimenticare Fornals del Villarreal con cui presto la trattativa entrerà nel vivo. Nell'ultima settimana sempre con la Fiorentina si è parlato del terzino sinistro Cristiano Biraghi che i viola per meno di 20 milioni di euro non lasciano andare via. Su quella fascia, il Napoli può davvero veder partire sia Mario Rui che Ghoulam: in quel caso, occhio anche a Lazzari che però la Spal valuta 15 milioni.

Mino Raiola prepara il suo blitz romano a casa De Laurentiis: i nodi stanno per venire al pettine e il manager di Lorenzo Insigne ha sul piatto l'argomento giusto per ridurre il prezzo del cartellino del capitano, ovvero il sì di Lozano. Il messicano, ko fino alla fine della stagione per un infortunio, è il prescelto di Ancelotti e De Laurentiis farà di tutto per farlo contento. Il faccia a faccia con Raiola servirà a capire il destino di Insigne che spinge per un'avventura all'estero. Vedremo. In attacco piace, e non poco, Rodrigo del Valencia: ha segnato poco quest'anno e quindi i 45 milioni chiesti l'estate scorsa sono troppi. Non arriverà Edinson Cavani, sempre più incupito dal condominio parigino: il Napoli, lo ha ribadito Ancelotti, non alzerà il tetto massimo delle sue buste paghe oltre l'asticella dei 4,7 milioni di euro, che è poi lo stipendio di Insigne. Il Matador guadagna 13 milioni.

Callejon resterà ancora e Mertens ha deciso di rimanere ancora un anno. Per Dries negli ultimi giorni ci sono state delle nuove lusinghe, questa volta in arrivo dagli Stati Uniti: la nuova franchigia di Miami, creata da David Beckham e che parteciperà alla Major League Soccer statunitense dal 2020, lo ha contattato. E l'idea di trasferirsi in Florida non ha fatto dire di no al belga che a Frosinone ha eguagliato il record di gol di Maradona in serie A (81 gol): se ne riparlerà tra unn anno. In difesa in bilico Malcuit e Chiriches; in attacco difficile la permanenza di Ounas e Verdi. Il cui agente questa settimana è atteso a colloquio con Giuntoli. © RIPRODUZIONE RISERVATA