Una squadra napoletana
“sfiderà” Neymar in Qatar

Martedì 26 Ottobre 2021
Una squadra napoletana “sfiderà” Neymar in Qatar

Si è concluso a Napoli il torneo nazionale del Red Bull Neymar Jr’s Five, competizione che porta il nome della stella brasiliana del Paris St. Germain. Presso il riqualificato campo “Sgrarrupato” del parco Ventaglieri si è svolta la fase finale del torneo, che ha visto partecipare le migliori squadre italiane che nelle scorse settimane hanno vinto le rispettive tappe locali (Bari, Salerno, Palermo, Catania, Napoli). A trionfare sono stati i King Sport Napoli, che hanno superato con il punteggio di 4-1 il team Catania 46: ad attenderli ora c’è l’appuntamento più atteso, ovvero la finale mondiale in Qatar, dove la squadra vincitrice avrà la possibilità di sfidare la superstar del Psg.

A Napoli è andata in scena una giornata di grande calcio e sano agonismo delle squadre finaliste: a rendere ancora più emozionante le sfide sono state sicuramente le regole del torneo, come l’assenza di entrambi i portieri, l’eliminazione di un componente per ogni gol del team avversario e il divieto di oltrepassare la linea che delimita l’area. Per questa speciale occasione è stato riqualificato il campetto “Sgarrupato” del parco Ventaglieri. Una location suggestiva, da cui è possibile osservare la stratificazione di Napoli. Il campo è stato rinnovato anche grazie al contributo di Mapei, che ne ha migliorato le prestazioni tecniche, in particolare un’ottima resistenza allo scivolamento e una eccezionale resa estetica. Nel progetto di riqualificazione è stato coinvolto anche l’artista locale Zeus40, che ha raffigurato il disegno su due strati, chiaro riferimento alla conformazione del territorio napoletano: il fondo è caratterizzato dalla scritta Napul’è mentre la parte superiore è una rappresentazione di San Gennaro, che si appresta a giocare con i bambini del quartiere. Lo “Sgarrupato”, famoso per ospitare una scuola calcio popolare, è stato scelto perché unisce il concetto di calcio da strada con la passione dei ragazzi napoletani. La riqualificazione del campo vuole così dare nuova vita a spazi urbani in degrado, rendendoli accessibili e durevoli nel tempo. I lavori di riqualificazione sono stati patrocinati dal Comune di Napoli e dalla Municipalità 2 della città metropolitana. Fondamentale è stato anche il contributo dell’associazione “Sii turista della tua città”, che da tempo si occupa di attuare un processo di valorizzazione culturale, sociale e artistica del patrimonio artistico culturale dell’intero territorio campano. Nel caso del campo “Sgarrupato”, una volta terminata la manifestazione, si occuperà della pulizia del parco, organizzando nei prossimi mesi dei tour a tema street art nel parco, oltre a piantare diversi alberi nelle zone più abbandonate.

Oltre 30 paesi di 6 continenti hanno ospitato i tornei di qualificazione nazionale: i team vincitori di ogni nazione voleranno così in Qatar per la finale mondiale. Un’occasione unica nel suo genere: non capita tutti i giorni di giocare una partita contro Neymar Jr.

© RIPRODUZIONE RISERVATA