Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Osimhen e l'incidente pre-morte:
«Non riuscivo più a dormire»

Domenica 26 Giugno 2022
Osimhen e l'incidente pre-morte: «Non riuscivo più a dormire»

«Quell'infortunio che ho avuto contro l'Inter è stato come un incidente pre-morte» dice Victor Osimhen, che è tornato a raccontare il brutto scontro con Skriniar nell'ultimo campionato. «Sono l'unico che può parlare di come ci si sente in quel caso, era il mio viso e il mio corpo. Essere in grado di alzarmi in piedi senza usare la barella, di uscire dal campo da solo, pansavo fosse un infortunio che avrei potuto gestire», ha detto Osimhen a Wazobia FM. «Quando sono arrivato in ospedale ho detto al mio medico che sarei stato fuori per due settimane al massimo». 

Invece le due settimane sono diventate due mesi. «Quando è uscita la scansione della risonanza, ho capito di aver fratturato molte ossa, che hanno dovuto rimuovere e fissare di nuovo all'interno. Ho almeno diciotto viti sotto la mascella. È stato complicato, ho vissuto molte notti insonni, proprio non riuscivo a dormire e nemmeno riuscivo a mangiare con il dolore. Ma alla fine la mia mentalità mi ha aiutato. Nella mia testa, avevo già programmato il mio ritorno dopo l'intervento chirurgico».

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA