Empoli-Napoli, esodo azzurro:
quattromila tifosi per lo scudetto

Sabato 23 Aprile 2022 di Roberto Ventre
Empoli-Napoli, esodo azzurro: quattromila tifosi per lo scudetto

I tifosi azzurri ci credono ancora e spingono il Napoli: saranno in 4mila domani a Empoli. Esauriti già giovedì i 3mila biglietti del settore ospiti, ieri ne sono stati messi in vendita dal club toscano più o meno altri mille di tribuna laterale e sono andati a ruba anche questi tagliandi. Le ultime due delusioni al Maradona contro Fiorentina e Roma non hanno frenato l'entusiasmo dei tifosi napoletani e in tanti saranno presenti domani al Castellani per spingere la squadra di Spalletti a una vittoria fondamentale per restare ancora in corsa per vincere il tricolore.

A Empoli gli azzurri cercano il poker consecutivo di vittorie in trasferta dopo i colpi contro Lazio, Verona e Atalanta: il Napoli fuori casa ha fatto meglio di tutte in serie A, 37 punti come il Milan, ha vinto più partite (11, come i rossoneri) e subito meno reti, 12 insieme all'Inter. Numeri da scudetto, quindi, lontano dal Maradona: imbattuti gli azzurri fuori casa nelle otto partite del 2022 tra campionato e Europa League: cinque vittorie (Venezia, Bologna, Lazio, Atalanta e Verona) e tre pareggi (Juventus, Cagliari e Barcellona). Un cammino da record in trasferta: il Napoli ha perso solo due volte tra campionato e Europa League, due passi falsi racchiusi in tre giorni (la sconfitta per 3-2 del 21 novembre al Meazza contro l'Inter e quella per 2-1 a Mosca il 24 novembre contro lo Spartak). Solo due incidenti di percorso in un cammino finora straordinario della squadra di Spalletti che in totale ha vinto 12 partite, tra campionato ed Europa League, ne ha pareggiate 6 e perse soltanto due.

In trasferta il Napoli è riuscito a dare sempre il meglio come atteggiamento sia in termini di personalità che nel modo di stare in campo. Una squadra convinta, attenta e tatticamente sempre equilibrata per compattezza e per la capacità di sfruttare al meglio le opportunità offensive. Una formazione concreta e cinica che è riuscita ad esprimersi al massimo sia negli appuntamenti contro le formazioni d'alta classifica che contro quelle medio-piccole. Contro l'Empoli sarà fondamentale per gli azzurri mantenere questo stesso tipo di atteggiamento che è stato alla base di tanti risultati positivi esterni: Napoli che avrà la possibilità di cancellare l'immeritata sconfitta dell'andata al Maradona per 1-0 (l'ultimo successo in campionato della formazione di Andreazzoli che nel 2022 non ha ancora vinto) con il gol rocambolesco segnato con la nuca da Cutrone. Un andamento finora costante nelle gare esterne, un rendimento di altissima affidabilità lontano dal Maradona, dove invece la squadra di Spalletti ha commesso numerosi passi falsi. 

A Empoli al posto dello squalificato Koulibaly ci sarà Juan Jesus che è tornato disponibile dopo il leggero trauma distorsivo al ginocchio accusato a inizio settimana e ieri ha svolto l'intera seduta di allenamento in gruppo. A centrocampo out Lobotka per infortunio, lanciatissimo per una maglia da titolare Demme nel centrocampo con Anguissa e Fabian Ruiz, quest'ultimo favorito su Zielinski. Oggi verrà sciolto il dubbio Elmas, che ieri ha svolto lavoro in palestra per una lieve elongazione del bicipite femorale sinistro, e potrebbe farcela a recuperare in tempo utile e andare in panchina. E verrà presa anche la decisione su Ospina che ieri ha svolto parte di allenamento personalizzato sul campo e parte in gruppo. Non ci sarà ancora Di Lorenzo che ha svolto ieri una seduta personalizzata in palestra e in campo e dovrebbe tornare a disposizione per la prossima sfida contro il Sassuolo. Verso la riconferma il tridente d'attacco con Osimhen punta centrale e gli esterni Insigne, il migliore in campo contro la Roma, e Lozano che ha fatto bene con i giallorossi ed è favorito su Politano. Confermati anche i terzini, a destra il giovane Zanoli, alla quarta partita consecutiva da titolare al posto dell'infortunato Di Lorenzo, e a sinistra il portoghese Mario Rui. 

Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA