Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Solbakken al Napoli, pronto l'assalto
dopo la cessione di Politano

Lunedì 27 Giugno 2022 di Pino Taormina
Solbakken al Napoli, pronto l'assalto dopo la cessione di Politano

Non c'è solo la Roma su Ola Solbakken: perché l'esterno destro classe 1998 che gioca con il Bodo Glimt piace - e non poco - pure al Napoli. I contatti proprio nelle ultime ore, dopo che il norvegese sembrava vicinissimo al trasferimento nella Capitale. Il Napoli si è fatto sotto con Solbakken che va a scadenza il prossimo 31 dicembre e dunque può arrivare per un cifra attorno ai 2,5 milioni di euro. Quasi un indennizzo: ma il Bodo Glimt, che con la Roma ha vecchie ruggini legate alle due gare di Conference League, vede solo il Napoli. Mentre Solbakken da tempo tratta con la Roma. Al norvegese, gli azzurri hanno proposto un quinquennale. Dunque, dopo aver fatto l'offerta a Solbakken, il club azzurro aspetta una risposta. Ma la mossa del Napoli è un segnale chiaro: Politano al Valencia è un affare in fase di decollo. 

Il blitz di ieri dell'agente di Matteo Politano a Valencia, Mario Giuffredi, è il segnale della svolta: il Napoli chiede 20 milioni per l'ex interista e gli spagnoli al momento hanno messo sul piatto 13 milioni di euro. Oggi se ne saprà di più: perché Gattuso incontrerà i vertici del suo nuovo club per fissare obiettivi e cessioni. Ma in ogni caso Gattuso non vuole un braccio di ferro con De Laurentiis per questioni di mercato: ma il Napoli non considera Politano incedibile. Tranne Di Lorenzo, tra gli azzurri non ci sono intoccabili. Quindi, via libera alla trattativa ma il Valencia deve alzare la propria proposta. E non di poco. Non c'è neppure ancora l'accordo economico tra l'esterno e il Valencia ma anche in questo caso le distanze non sono notevoli. Politano sarebbe felice di riabbracciare il tecnico calabrese con cui ha avuto un grande feeling durante l'avventura napoletana.

Probabile che questa possa essere la settimana chiave per la firma di Alex Meret: il suo manager Pastorello sta convincendosi che Ospina non rinnoverà (non ci sono neppure le basi per un appuntamento) e quindi questa è la prima condizione per la sua permanenza. Contratto di cinque anni ma, sia chiaro, con nessuno che potrà mai dare la certezza del posto da titolare. D'altronde, servono due portieri di prima fascia tenendo conto che in 3 mesi (dal 13 agosto al 9 novembre) si giocano 15 gare di campionato e 6 di Champions League. E Salvatore Sirigu è affascinato da questo progetto: non verrà a fare la balia ed è pronto a firmare per un anno con opzione per il Napoli per la seconda stagione. Probabile che il cerchio-portieri si chiuda proprio in questo modo anche perché Sirigu, 35 anni, ex Psg e Torino, ha quell'esperienza che può servire in questa stagione. 

Fabian e Ounas stanno giocando con il fuoco: il ds Giuntoli aspetta entrambi a Dimaro per chiarire che senza rinnovo rischiano una stagione da comprimari, ai margini del gruppo. Gli agenti di Fabian hanno confermato che ci sono offerte dalla Liga, ma al momento non ne hanno portate. Servono una ventina di milioni per la sua cessione oppure Fabian dovrà accettare il rinnovo con il Napoli. Magari con l'inserimento di una clausola liberatoria in via del tutto eccezionale (De Laurentiis da tempo ha deciso di non inserirne più: l'ultima volta con Zielinski). La Salernitana ha mostrato interesse per Ounas su cui ci sono anche i sondaggi di Torino, Monza e Verona. A proposito di Verona: il patron Setti ieri si è fatto vivo anche con la Lazio per spiegare, come ha fatto con il Napoli, che Nicolò Casale, il difensore centrale, può andare via anche con la formula del prestito. Sia pure con obbligo di riscatto. Da qualche giorno Casale ha superato Ostigard nella classifica delle preferenze, ma a patto che sia una operazione low cost, cosa che Ostigard all'improvviso non è più stata. 

Ultimo aggiornamento: 17:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA