Napoli, Spalletti uomo d'amore
dà la fascia di capitano a Ghoulam

Lunedì 23 Maggio 2022 di Anna Trieste
Napoli, Spalletti uomo d'amore dà la fascia di capitano a Ghoulam

Nel suo film più celebre, Così parlò Bellavista, in base alla loro predilezione per il bagno o per la doccia come forma di abluzione personale, il maestro De Crescenzo divideva gli appartenenti al genere umano in due grandi categorie, gli uomini d'amore e gli uomini di libertà. Ebbene, pur non potendo esserne certi al cento per cento, dopo aver visto quanto fatto ieri a La Spezia con Ghoulam è assai probabile che Spalletti preferisca il bagno alla doccia e sia pertanto tipicamente un uomo d'amore. Schierare Faouzi capitano dal primo minuto, nella sua ultima partita in maglia azzurra, riconcilia, in qualche modo, il mister con una piazza, quella napoletana, in gran parte ferita a morte per quel sogno acceso, alimentato, nutrito e poi spento senza troppe spiegazioni. Concedere a un calciatore tanto sfortunato la possibilità di salutare in campo, su quella stessa fascia in cui, anni fa, si abbatté suo e nostro malgrado la pesante scure della sorte avversa è stato, da parte del mister, decisamente un atto d'amore. Che fa ben sperare per il futuro.

 

In un calcio di milioni, fatturati, diritti televisivi e maglie al vento è stato bello vedere un gesto che non era affatto scontato e dovuto. E oltre che bello è stato utile. Perché l'affetto per Ghoulam ha in qualche modo lenito l'amarezza di vedere che anche in versione B il Napoli poteva fare gol allo Spezia. Lo stesso Spezia che all'andata se ne andò via da Fuorigrotta con i tre punti in tasca senza aver mai fatto un tiro in porta. È finita e non ha molto senso continuare a chiedersi cosa poteva essere e non è stato. Meglio chiedersi cosa potrebbe essere e sarà. E se la società decide di tendere una mano ai tifosi, può essere soltanto qualcosa di bello... 

© RIPRODUZIONE RISERVATA