Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Verona-Napoli 2-5, manita azzurra
​al Bentegodi per un esordio super

Lunedì 15 Agosto 2022 di Marco Perillo
Verona-Napoli 2-5, manita azzurra al Bentegodi per un esordio super

Il Napoli batte con un netto 5-2 il Verona nel posticipo della prima giornata di Serie A, disputato allo stadio 'Bentegodì della città scaligera. Padroni di casa in vantaggio al 29' con Lasagna, gli azzurri ribaltano il match nel finale della prima frazione con Kvaratskhelia al 37' e Osimhen al 48'. Al 3' della ripresa pari gialloblù con Henry, poi gli ospiti dilagano grazie alle reti di Zielinski al 10', Lobotka al 20' e Politano al 34'.

La partita in diretta

Inizio con pressing basso, grande equilibrio tra le squadre. Al 10' grande occasione per Osimhen che apre troppo il piede dopo l'assist al bacio di Lozano. Quindi è Zielu ad andare al tiro, devia Montipò, ex Benevento. Al 17' Kvara va al tiro ma la palla è larga. Al 20' al tiro anche Lozano, troppo angolato: dominano gli azzurri ma gli attacchi sono sterili. Senza però forzare i ritmi. Poi sale in cattedra il Verona che segna al 29' da calcio d'angolo, difesa ferma e in rete Lasagna. Il Napoli non ci sta e becca il palo con Anguissa poco dopo. Ma al 37' arriva il pari di testa di Kvara su cross di Lozano. Bella la rete del gerogiano che conferma qualità e anche una discreta personalità. Positiva anche la partita di Lozano, costante spina nel fianco degli scaligeri. Quindi all'ultimo corner per gli azzurri sbuca Osimhen e la ribalta con un grandissimo gol. Poi si gira verso i tifosi veronesi e li sbeffeggia, provocando le loro ire. Termina così la prima frazione di gioco. 

Nessun cambio a inizio ripresa. Il Verona spinge subito e trova il pari al 47' con Henry al debutto: l'ex Venezia brucia la difesa azzurra e fa esultare il Bentegodi. Osimhen si becca un giallo. Partita più nervosa. Ma al 54' Kvara imbecca Zielinski che come un fulmine insacca il 3-1! Un'azione tutta di prima e da applausi. Poi il Verona torna a giocare, è una squadra diversa da quella battuta 4-1 dal Bari in Coppa Italia. E se c'è un settore azzurro che desta preoccupazione è la difesa, ancora da rodare. Ma al 64' un immenso Loboktka s'infila nella difesa gialloblu e segna il bel gol del 4-2. 

A questo punto esce Kvara per Elmas. Dentro anche Politano e Zerbin (all'esordio in A, nella posizione di mezz'ala). E Matteo (esterno) va subito vicino al gol ma il suo tiro a effetto esce di poco. Il gol è solo rimandato, perché arriva al 79' al centro dell'area. Dentro anche Ounas che ha il tempo di segnare il 6-2. Ma il gol è annullato per disturbo sul portiere. Quindi è Zerbin a divorarsi il sesto gol ormai fatto. Cinque di recupero e primi tre punti azzurri. 

 


Hellas Verona-Napoli

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Lozano, Osimhen, Kvaratskhelia. All. Spalletti

Verona (3-5-2): Montipò; Tameze, Gunter, Dawidowicz; Faraoni, Hongla, Ilic, Barak, Lazovic; Henry, Lasagna. All. Cioffi.

Ultimo aggiornamento: 22:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA