Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Gioco, partita e virus: il tennis trema dopo le positività dell'Adria Tour

Martedì 23 Giugno 2020 di Gianluca Cordella
Gioco, partita e virus: il tennis trema dopo le positività dell'Adria Tour

L’Adria Tour doveva essere una tappa della rinascita. Adesso, al contrario, rischia di essere un altro ostacolo verso il ritorno alla normalità del tennis. Sì perché dopo la positività al Covid-19 annunciata via social da Grigor Dimitrov nella serata di domenica, ieri è arrivata la notizia del contagio di Borna Coric, che a Zara, nella seconda tappa del tour benefico voluto da Novak Djokovic, era stato avversario proprio del bulgaro, e di Viktor Troicki. A testimonianza elementare che anche nel tennis - che sport di contatto non è - se non si segue il protocollo il rischio è alto. Ma non è tutto. Perché sono risultati positivi anche l’allenatore di Dimitrov, Christian Groh, la moglie incinta di Troicki, Aleksandra, e Marko Paniki, uno degli allenatori di Djokovic. Che, dal canto suo, per ora non ha parlato ed è tornato in fretta e furia a Belgrado per sottoporsi al tampone insieme con la sua famiglia.

LEGGI ANCHE--> Djokovic pensa al forfait: «Non giocherò lo US Open in condizioni estreme»

Un silenzio, quello del numero uno del mondo, che fa da contraltare alla ridda di critiche che si stanno sollevando in tutto il mondo («È sciocco giocare dei tornei adesso» ha sentenziato il vulcanico Nick Kyrgios) per un evento che, in nome dei bassi numeri di diffusione del coronavirus negli Stati dalla ex Jugoslavia, è stato fin troppo aggregante e senza alcuna restrizione né per i tennisti, né per il pubblico. «Potete anche criticarci e dire che è pericolo - aveva detto Nole alla vigilia della prima tappa del tour - ma non spetta certo a me determinare cosa sia giusto o sbagliato per la salute. Stiamo facendo ciò che ci dice il governo serbo». E chissà come l’avrà presa il primo ministro croato Andrej Plenkovic, tra coloro che ieri si sono sottoposti al tampone dopo aver trascorso del tempo a Zara con Djokovic.

FUTURO INCERTO
Va detto che i contagiati, che all’unisono sui social hanno dichiarato di stare bene, sono forse il problema minore di questa storia. Preoccupa di più la brutale presa di coscienza dell’ovvio: come gestire un flusso mondiale di atleti all’interno di un contesto internazionale che è ancora lontanissimo dal contagio zero? E come fare in presenza di atleti no-vax come lo stesso Djokovic che si sono detti contrari al vaccino anti-Covid (quando ce ne sarà uno) anche nel caso in cui fosse indispensabile per partecipare ai tornei? Senza contare il baratro in cui teme di sprofondare l’economia croata che si apprestava a ripartire sfruttando il turismo estivo e ora teme l’effetto della pubblicità negativa. Perciò fa sorridere l’ultimo post che movimenta la pagina Instagram dell’Adria Tour che, nell’annunciare l’annullamento della finale di Zara tra Djokovic e Rublev, spiega: «La sicurezza e la salute vengono prima di tutto». Già.

© RIPRODUZIONE RISERVATA