Tutti pazzi per Sinner: l'Italia si è innamorata di Jannik

Martedì 6 Aprile 2021 di Piero Valesio
Tutti pazzi per Sinner: l'Italia si è innamorata di Jannik

Mica facile scoprire dalla sera alla mattina di essere diventato il terminale di un sentimento nazionale. Altro che fatica di Sisifo: si tratta di accettare che non si è più solo un giocatore di tennis ma anche il depositario del desiderio che migliaia di persone hanno (prossimamente molti di più) di poter esultare per qualcosa di aggregante e non divisivo. Meglio: in qualcuno che ti faccia balzare in piedi per esultare. Se ancora non l’aveva capito, Jannik Sinner ha scoperto dopo la finale di Miami di essere diventato il terminale di cui sopra. Il match contro Hurkacz è stato il più visto della storia di Sky. Secondo solo, tanto per chiarire i termini del fenomeno, alla finale di Wimbledon 2019 Djokovic-Federer, quella dei due matchpoint falliti da Roger che ancora turbano i sogni dei federasti. In quella occasioni gli spettatori medi furono 761.000: l’altro ieri quelli che hanno seguito la finale di Sinner sono stati 656.000 con il 3% di share.

E si badi bene: nella prima parte la finale si è sovrapposta alla MotoGp. I contatti (coloro che per almeno un minuto sono “transitati” sul match) sono stati un milione e 800.000). Per il tennis sono dati enormi. A parità di finali “1000”, quella di Fognini a Montecarlo due anni addietro raccolse 547.000 telespettatori. E la prima finale Atp dello stesso Sinner, a Sofia nel novembre scorso, trattenne davanti al video sì 721.000 telespettatori: ma su Rai 2, un canale in chiaro che può contare un bacino di utenza decisamente più ampio. Al di là della sconfitta Jannik è diventato molto più di un ragazzo di 19 anni che gioca bene a tennis. Sarà questo il ruolo che il nostro dovrà imparare a interpretare rapidamente. Più rapidamente di quanto dovrà imparare un servizio più articolato e meno monocorde e a raggiungere la rete più velocemente di quanto faccia oggi.

 

Oltre la sconfitta

E se certamente ha ragione il suo coach Riccardo Piatti quando sostiene che per salire di livello Jannik necessita di qualcosa come 150 partite nel circuito maggiore (e lui non è nemmeno a metà dell’opera) giova ricordare che una finale persa non significa un’ammissione di limite. Per dire: Ivan Lendl, uno il cui stile di gioco, aveva molto di quanto oggi ci fa vedere Sinner, perse quattro finali Slam prima di vincerne una. E quando ci riuscì, correva l’anno 1984, dovette rimontare due set di svantaggio a McEnroe e porsi nella modalità mentale “inossidabile” per spedire ai pazzi il malcapitato Mac. Lui, Jannik, nell’immediato post-match ha già tracciato la strada per l’immediatissimo futuro: «A 19 anni o si vince o si impara. Per me ciò che conta davvero è aver dimostrato di essere migliorato molto rispetto all’ultimo torneo. Ci sono aspetti dove so di dover crescere: conquistare la rete, spostare il mio avversario, servire meglio. Contro Hubi non ci sono riuscito ma l’emozione l’ho sentita: avevo già iniziato ad accorgermene il giorno prima».

Sinner perde la finale a Miami nel Master 1000, ma è un passo falso che lo farà crescere ancora

Il futuro di Jannik

Il prossimo step? Inizia la stagione sulla terra (da ieri è in corso il 250 di Cagliari: oggi alle 12.30 Musetti-Novak, poi il rientro di Matteo Berrettini in doppio col fratello Jacopo). E nella clay season ci saranno tutti quelli che a Miami hanno marcato visita: Thiem, Nadal, Djokovic, in parte Roger. Ed è probabile che prima o poi metteranno sotto esame il nostro. In quel momento la finale persa di Miami sarà solo un passo compiuto verso quell’obiettivo. Un passo naturale e necessario.

 

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA