Universiadi, buona la prima
per il Setterosa made in Naples

Giovedì 4 Luglio 2019 di Diego Scarpitti
Setterosa
Nella notte indimenticabile del San Paolo è stata la più inquadrata. Sorridente, felice, incontenibile. A suo agio, perché sa di giocare in casa. Da Fuorigrotta a Casoria, dal tempio del calcio all’arena clorata, Sara Centanni vuole prendersi le Universiadi 2019, così come le sue colleghe-concittadine Loredana Sparano e Carolina Ioannou. «La cerimonia è stata pazzesca, un’esplosione di emozioni. Ancora adesso ho i brividi al solo pensiero. Incredibile sfilare davanti la mia Napoli». Durante l’opening ceremony e il debutto contro le statunitensi, non è passato sotto traccia il Setterosa made in Naples. Buona la prima per le ragazze di Martina Miceli, che iniziano con il piede giusto i Giochi universitari all’ombra del Vesuvio: 8-6 (2-1, 3-3, 1-1, 2-1). Ostacolo dell’esordio archiviato a pieni voti.
 
 

«Match duro soprattutto perché il primo delle Universiadi. Siamo entrate in acqua concentrate e siamo riuscite a contenere le americane, portandoci subito in vantaggio», racconta soddisfatta Centanni, a bersaglio due volte. «Abbiamo vinto ed è servito ad acquistare più fiducia in noi. Ora dobbiamo continuare a lottare, sapendo di potercela giocare con tutte e combatteremo fino alla fine». Sensazioni uniche vissute in vasca. «Ho avvertito brividi tutto il tempo. Ho giocato con i colori dell’Italia, sorretta dal calore napoletano!». Spazio, infine, anche a simpatici episodi legati alla manifestazione. «Tutte stanno apprezzando la cucina napoletana, in particolare mozzarella e parmigiana. E poi ho dovuto dare le indicazioni per raggiungere il PalaDennerlein: ci stavamo perdendo, a rischio la rifinitura». Inediti retroscena.
 
Per la cronaca nell’ultimo quarto le nordamericane acciuffano il 6-6. Il portiere Sparano è perfetta e si prende la sua rivincita dai cinque metri su Mammolito. Di Claudio e Cocchiere completano l’opera per le azzurre. «Girone tosto ma all’altezza delle nostre aspettative. Le Universiadi 2019 rappresentano una rinascita sportiva per Napoli e la Campania: sono fiera davvero di partecipare ad un evento del genere in casa», spiega l’estremo difensore in calottina rossa. Domani (ore 19.30) sfida al gigante cinese: occhio al dragone.
 
 
 
 Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 00:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA