Ecco il minisatellite smart Mistral
che comunica tramite un tweet

Mercoledì 27 Maggio 2020

Consentire di andare in orbita per effettuare esperimenti in microgravità in tempi brevi e a costi ridotti, con la possibilità di recuperare il carico utile, è l’obiettivo del progetto Mistral, finanziato dalla Regione Campania e promosso dal Dac-Distretto aerospaziale della Campania. Il programma è stato sviluppato da Telespazio, una joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%), alla guida di un raggruppamento che vede la partecipazione delle principali realtà industriali e universitarie del settore presenti sul territorio campano, quali: Ohb Italia, Cira, Euro.Soft, Università di Napoli Federico II, Ali, Tsd Space, Sab Aerospace, Srsed, Powerflex, Lead Tech, Antares, Cnr, Enea e Università di Napoli Parthenope.

Il progetto Mistral (MIni-SaTellite con capacità di Rientro Avio-Lanciabile) prevede lo sviluppo di un sistema di rientro atmosferico “intelligente” per una capsula che potrà essere agganciata a una micro-piattaforma spaziale multiruolo e aviolanciabile, della classe di 40-50 chilogrammi, per il recupero del carico utile e dei campioni sperimentali. Può essere utilizzato per un ampio panorama di missioni di istituzioni pubbliche e di privati. L’essere associato a piattaforme aviolanciabili, svincolate dalla disponibilità di una tradizionale base di lancio fissa e dalle sue limitazioni, rende Mistral più flessibile e di rapido impiego. 

Caratterizzato dall’utilizzo di nuove leghe ultraleggere, materiali e tecnologie “green”, integra anche sistemi di health monitoring, grazie a sensori inseriti nelle parti critiche come lo scudo termico dispiegabile, la cui apertura è modulabile per un controllo attivo della traiettoria di rientro. Inoltre, il sistema di gestione della micro-piattaforma denominato “Space Twitter” consente alla capsula in orbita di inviare in maniera automatica e con continuità dei “tweet”, ovvero brevi messaggi, per comunicare il proprio stato operativo a una serie di micro-stazioni terrestri dedicate.

Con Mistral sono state create le condizioni per lo sviluppo industriale di una piattaforma satellitare innovativa per il rientro di campioni/carichi utili da orbita bassa terrestre, per la gestione di emergenze sulla terra e con la possibilità di applicazioni “planetarie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA