Razzo cinese, come seguire online la sua traiettoria in caduta libera verso la Terra

Sabato 8 Maggio 2021 di Riccardo De Palo
Razzo cinese, come seguire online la sua traiettoria in caduta libera verso la Terra

Ci sono possibilità veramente infinitesimali che il rientro sulla Terra del vettore cinese Lunga Marcia 5B possa avvenire in una zona popolata. Il razzo di 23 tonnellate - molto ridotto o spaccato in più pezzi per l'impatto con l'atmosfera - dovrebbe cadere, in tutta probabilità, in un’area priva di popolazione. Lo dice la matematica: il 70 per cento del pianeta è ricoperto da mari e oceani, e anche la terra emersa non è ovunque popolata. L’allarme della protezione civile italiana, che parla di possibile (sebbene molto remota) caduta nel centro-sud della penisola, ha creato apprensione decisamente esagerata. Ma, anche per tranquillizzarsi, si può seguire da alcune fonti web l’impatto con l’atmosfera in tempo reale.

Sabato mattina, le previsioni in costante aggiornamento davano il vettore in arrivo attorno alle ore 4,19 di domenica 9 maggio, secondo Aerospace Corp., che sta seguendo la traiettoria del “rifiuto spaziale”. Anche il Comando Spaziale degli Stati Uniti sta monitorando la posizione del vettore, e fornisce la posizione su space-track.org. Ma è un sito che chiede la registrazione. Sarà possibile capire esattamente dove cadrà il vettore soltanto poche ore prima dell'impatto, ha fatto sapere lo Space Command in un comunicato. 

 

La Aerospace Corporation, che lavora con il governo statunitense, non chiede registrazione: elabora la posizione costantemente e la posta su Twitter e sul suo sito.

Il razzo cinese può cadere sul Centrosud, la Protezione civile: non state all'aperto

Un altro account Twitter da tenere sotto controllo è quello di Jonathan McDowell, un personaggio noto nella comunità aerospaziale americana per le sue attività di tracciamento di oggetti potenzialmente pericolosi sulla Terra.

 

Su un altro sito, celestrak.com, è stata predisposta una mappa interattiva, con possibili orari e zone di impatto. Si può accedere da qui, ed è un'esperienza altamente consigliabile. I dati sono basati su quelli, ufficiali, forniti dal Diciottesimo Space Control Squadron, che sorveglia ciò che accade sopra di noi. Celestrak è un sito che monitora costantemente tutti gli oggetti in orbita, e la versione completa (qui) lascia capire le enormi proporzioni del problema dei detriti spaziali.

 

 

Ci sono poi gli appassionati di astronomia, come il romano Gianluca Masi, che sul suo sito Virtual Telescope ha condiviso immagini dell’oggetto spaziale scattate dal cielo della Capitale.  «L'osservazione era possibile agilmente ad occhio nudo», ha detto Masi, e «l'oggetto appariva chiaramente lampeggiante, a causa della sua rotazione su sé stesso: per questo la traccia registrata nella fotografia mostra una fitta serie di tratti luminosi».

Razzo cinese fotografato nel cielo di Roma: dove e quando può cadere

 

Da seguire anche il feed su Twitter dell'Asi, che sta monitorando costantemente la situazione. Ecco la valutazione di uno degli esperti dell'Agenzia spaziale italiana, Mario Castronuovo.

 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 00:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA