Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Samantha Cristoforetti prima europea al comando della Stazione spaziale, i gradi consegnati dal cosmonauta sovranista Oleg Artemyev

Mercoledì 14 Settembre 2022 di Paolo Ricci Bitti
Samantha Cristoforetti

Dalla Terra non è facile immaginarlo, ma il 28 settembre Samantha Cristoforetti riceverà dal sovranista deputato del partito di Putin, nonché cosmonauta, Oleg Artemyev, il comando della Stazione spaziale internazionale. Strette di mano e abbracci perché lassù, per ora, arrivano solo fievolmente lo sferragliare dei carri armati e il sibilare delle katiusce. L'astronauta trentina diventerà la prima europea a comandare l'Iss che in 22 anni di frenetico orbitare è stata affidata a una donna solo altre due volte con le americane Peggy Whitson e Shannon Walker. Il primo, e unico, italiano comandante dell'Iss è stato Luca Parmitano

Il veterano Oleg Artemyev è colui che in aprile, con la Cristoforetti appena arrivata in orbita, nei giorni dell'impetuosa avanzata russa in Ucraina espose fuori dalla Iss la copia dello Stendardo della vittoria, il drappo rosso legato alla conquista di Berlino da parte dell'esercito allora sovietico. Un notevole strappo al clima di collaborazione internazionale che ha caratterizzato fin dall'inizio l'epopea dell'Iss. Allo stesso tempo il deputato della Duma per il partito "Russia Unita", il partito di Putin, è colui che ha guidato con molta attenzione l'astronauta italiana nella sua prima attività extraveicolare, la sua prima passeggiata spaziale. Di fatto, in orbita, nella complessa pratica della gestione della Stazione, l'accordo fra russi, americani ed europei non è mai mancato.

 

Questa promozione a un ruolo, che in realtà viene interpretato non in senso gerarchico, ma di servizio nei confronti del resto dell'equipaggio internazionale, diventa una sorta di recupero di ciò che avrebbe dovuto essere e non era invece stato per colpa dei frequenti cambi di programmazioni delle missioni sulla stazione spaziale. L'astronauta dell'Agenzia spaziale europea - come era stato annunciato lo scorso dicembre - era destinata a diventare comandante già a metà della missione Minerva iniziata in aprile, ma poi lo slittamento delle date di partenze e arrivi l'aveva privata dei gradi.  Ora un nuovo calendario degli avvicendamenti degli equipaggi glielo restituisce sia pure quando ormai la sua missione di lunga durata è agli sgoccioli: la navicella CrewDragon di SpaceX di Elon Musk volerà verso le acque dell'Atlantico ai primi di ottobre.  

Sin dall'inizio della sua missione Cristoforetti è stata comunque responsabile del Segmento Orbitale degli Stati Uniti (USOS), coordinando le attività nei moduli e nei componenti statunitensi, europei, giapponesi e canadesi della Stazione. 

Con l’assunzione del nuovo ruolo, diventerà il quinto comandante europeo della Stazione Spaziale, seguendo le orme dei precedenti astronauti dell'Esa Frank De Winne, Alexander Gerst, Luca Parmitano e Thomas Pesquet. 

"Sono onorata della mia nomina a comandante - dice la trentina - e non vedo l'ora di attingere all'esperienza che ho acquisito nello spazio e sulla Terra per guidare in orbita un team molto capace". 

Paolo Ricci Bitti

Il Direttore Generale dell'Esa, Josef Aschbacher, condivide la prospettiva di Samantha. “La scelta di Samantha come comandante dimostra chiaramente la fiducia e il valore che i nostri partner internazionali ripongono negli astronauti dell'Esa. Durante la missione Minerva, ha contribuito notevolmente ai successi scientifici e operativi della Stazione e il lavoro intenso continuerà ora sotto il suo comando".

E il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia: “Congratulazioni a Samantha. La sua nomina è motivo di particolare orgoglio per l’Italia e per l’Europa. Come prima donna europea a ricoprire la carica di comandante della Stazione Spaziale Internazionale, Samantha sarà ancora una volta fonte d’ispirazione per le giovani generazioni. Un incarico di tale valore affidato per la seconda volta ad un astronauta di nazionalità italiana è anche la conferma del ruolo e dell’importanza che riveste il nostro Paese nell’esplorazione dello spazio e nelle attività spaziali internazionali. Auguri Samantha da parte di tutta l’Agenzia Spaziale Italiana e dai tuoi concittadini!”

Samantha diventerà ufficialmente comandante dopo una tradizionale cerimonia di consegna incentrata sul passaggio simbolico di una chiave da parte del precedente comandante. La cerimonia si svolgerà mercoledì 28 settembre 2022 e sarà trasmessa in diretta dalla Stazione Spaziale Internazionale su Esa Web TV.

David Parker, Direttore dell'Esplorazione Umana e Robotica dell'Esa, ritiene che "il bagaglio di conoscenze ed esperienze di Samantha la rende un'ottima candidata per questo ruolo. Come prima donna europea a ricoprire la carica di comandante, spinge ancora una volta in avanti i confini della rappresentanza femminile nel settore spaziale”.

Il titolo completo di questo ruolo è Comandante dell'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale. Le cariche di comando vengono assegnate sulla base di decisioni congiunte prese da Nasa (Stati Uniti), Roscosmos (Russia), Jaxa (Giappone), Esa (Europa) e Csa (Canada). L'Esa è rappresentata in questo processo di selezione dal Capo del Centro Europeo Addestramento astronauti (Eac) e Responsabile di programma della Iss, Frank De Winne.

"Sono lieto che la programmazione sia cambiata in modo tale che a Samantha possa di nuovo essere assegnata la posizione di comandante", afferma Frank. “Ha il nostro pieno appoggio per svolgere questo importante ruolo di leadership. Non c'è dubbio che la sua direzione garantirà ulteriori successi alla missione”.

Questa posizione è fondamentale per il continuo successo della Stazione Spaziale. Mentre sono i direttori di volo nei centri di controllo a presiedere alla pianificazione e all'esecuzione delle operazioni della Stazione, il/la comandante della Stazione è responsabile del lavoro e del benessere dell'equipaggio in orbita, deve mantenere una comunicazione efficace con i team a terra e coordina le azioni dell'equipaggio in caso di situazioni di emergenza. Dal momento che Samantha assumerà il comando nelle ultime settimane della sua permanenza a bordo, uno dei suoi compiti principali sarà quello di garantire un efficace passaggio di consegne al successivo equipaggio. 

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 02:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA